Se non vivete in una caverna, saprete che Apple ha presentato Apple Watch questa settimana. Fatevi un giro sul sito: trovate da qualche parte indicazioni sulla capacità della batteria o sull’autonomia? Io non ci sono riuscito. Eppure è il punto fondamentale: una tecnologia simile non ha alcun senso senza una rivoluzione nel settore delle batterie. Che cosa me ne faccio di un orologio che devo ricaricare ogni sera, oppure ogni due giorni quando va bene?

Mi rendo conto di essere uno strano animale in questo senso: quando esco a correre o in mountain bike ho un GPS con cardiofrequenzimetro per tracciare il percorso, a volte un iPod shuffle per la musica e un telefono cellulare da pochi euro per chiamate di emergenza. Non voglio un unico oggetto che costi un patrimonio in grado di fare tutto questo, preferisco oggetti “stupidi” in grado di svolgere perfettamente il loro compito e con un costo individuale ridotto.

Rimango perplesso anche su alcune funzionalità:

  • Che cosa me ne faccio delle foto su un orologio con uno schermo minuscolo?
  • Come correggo qualcosa se la dettatura vocale non mi capisce?
  • Qual è l’affidabilità del cardiofrequenzimetro? I vari Garmin, Polar non hanno dispositivi senza fascia, per cui mi chiedo quando sia valido. In giro ho trovato solo il Mio Alpha, risultato di un progetto Kickstarter di un paio d’anni fa (peraltro sorge il dubbio se il sistema sia patented).

P.S. Perdonate il titolo in inglese, ma “tecnologia da indossare” o “tecnologia indossabile” non rende altrettanto bene.


Tablet e Firefox OS

21 luglio 2014

Primo screenshot dal tablet da 10,1″ ricevuto un paio d’ore fa nell’ambito del Tablet Contribution Program, e subito aggiornato con l’ultima versione di Gaia in italiano. Per i curiosi: stesso script utilizzato per i telefoni, c’è solo da aggiungere GAIA_DEVICE_TYPE=tablet per ottenere l’interfaccia da tablet.

flatfish

Prima impressione: una marea di lavoro da fare per sistemare il layout su uno schermo così largo.


Alcune immagini di quello che potrebbe essere il nuovo look di Firefox OS 2.0

Schermata principale “verticale” (niente pagine, si scorre in verticale), con possibilità di visualizzare 3 o 4 colonne di icone.

Vertical Homescreen

Telefonia.

dialer

La versione è ancora in pieno sviluppo, per cui arriveranno sicuramente altre modifiche.

 


Flame Wallpaper

Canon EOS 40D, Sigma 150mm ƒ2.8, treppiede


Il Web che vogliamo

29 aprile 2014

Da questo momento Firefox è ufficialmente disponibile per il download su mozilla.org. Dai un’occhiata a:

Un ringraziamento a tutti coloro che nella comunità italiana si sono impegnati per tradurre il materiale su mozilla.org o SUMO, non è stato un lavoro semplice.

E ora, spazio allo splendido video :-)


AustralisUn po’ di numeri: mancano poco più di 24 ore all’uscita di Firefox 29 e sono trascorsi 3 mesi dall’ultimo post su questo blog. Buona parte di questo tempo è stata dedicata proprio al lancio di questa versione, contribuendo a coordinare con il collega Pascal la localizzazione di:

  • 6 pagine completamente nuove su mozilla.org, disponibili ad oggi in 56 lingue;
  • un mini-sito per celebrare il lancio di Australis (nome in codice Glow);
  • uno splendido video (sottotitoli) dedicato al Web che vogliamo. Non vedo l’ora di poterlo condividere, adoro quel video.

Il tutto senza dimenticare Firefox OS: 1.3 pronto, 1.4 in QA, 1.5/2.0 in traduzione.

Firefox 29 rappresenta un punto importante nella storia di Firefox: non solo Australis, ma anche il nuovo Firefox Account. È sicuramente la versione con più novità dal rilascio di Firefox 4.

Come suggerisce questo articolo: “È arrivato il momento di tornare a Firefox”.

P.S. prova a personalizzare il menu e togliere tutti gli elementi (inclusi controlli di zoom, copia/taglia/incolla), poi chiudi la finestra di personalizzazione e riapri il menu ;-)