ghisirds

9 dicembre 2007

Se amministrate un forum forse vi conviene tenere a mente questo nickname, ghisirds: si tratta di un geometra del 1976 (non un ragazzino, quindi) che si occupa di realizzazione di siti Web e “posizionamento sui motori di ricerca” (virgolette d’obbligo), titolare di un dominio .it che non riceverà mai un link dal sottoscritto. Personalmente ho avuto la fortuna di incontrarlo sia su Mozilla Italia che su eXtenZilla.

Su entrambi i forum, basati su SMF, è in uso un tema che disabilita la visualizzazione delle firme per gli ospiti: in parole povere il bot di un motore di ricerca non vedrà mai le firme degli utenti e diventa quindi inutile cercare di costruire backlink attraverso la firma. Qualche settimana fa il signore in questione mi ha fatto perdere mezz’ora per capire per quale motivo la sua firma venisse vista anche dagli ospiti: dopo aver controllato per bene i sorgenti del tema, mi sono accorto che i link erano stati inseriti manualmente all’interno del messaggio in modo da sembrare una firma.

Oggi scopro che non si è trattato di un’operazione occasionale, ma di una precisa (e assurda) strategia: un moderatore di eXtenZilla si è accorto che una discussione del nostro forum è stata copiata di sana pianta in un altro forum (niente link), ma la risposta data dal moderatore “Andrea” risulta fornita da un utente “Andres”. Questo è uno dei tanti altri esempi di cross-posting che potrei fare: come vedete ci sono tanti forum famosi, e in alcuni l’utente è già stato interdetto (ad esempio il forum GT).

Io sono senza parole, chissà se l’esperto di “posizionamento sui motori di ricerca” è consapevole dell’esistenza di ban e penalizzazioni sui motori di ricerca.


SMF in italiano

14 giugno 2007

Da quasi un paio d’anni Mozilla Italia ed eXtenZilla utilizzano per il proprio forum di supporto la piattaforma SMF (SimpleMachines Forum): a suo tempo abbiamo deciso di abbandonare PhpBB e la scelta per il nuovo forum è ricaduta su SMF (vedi la presentazione fatta al MarCamp per alcune delle motivazioni).

Da subito fu evidente un problema: la qualità (bassa) e la licenza (assurda) della traduzione italiana, che impediva di modificare il pacchetto originale e ridistribuirlo. Per questo motivo decidemmo di realizzare “in casa” la localizzazione per la versione 1.0.x., partendo da zero e sfruttando le competenze accumulate nel corso degli anni.

Sebbene sul forum di Mozilla Italia sia ancora in uso la versione 1.0.x, abbiamo provveduto a realizzare e rilasciare il pacchetto della lingua italiana anche per la nuova versione 1.1.x: tale traduzione è stata accettata da SimpleMachines ed è stata pubblicata sul sito come localizzazione ufficiale (prima l’italiano era del tutto assente dal sito).

A quanto pare la cosa non piace a chi ha realizzato l’altra localizzazione (giusto un paio di esempi); o meglio, non piace ad uno dei membri dello staff di SMItalia, tale DarkNiko.

Il fatto che le lamentele vengano scritte nello stile di un tedesco dislessico in crisi di astinenza da crauti non aumenta certo la mia stima verso l’interlocutore. Se queste sono le persone con cui cercare una collaborazione, tanto vale che ognuno prosegua per la propria strada.

Nel caso l’illustrissimo Kimi89 (che probabilmente avrà 17 anni, oppure 89?) avesse qualche dubbio, il sottoscritto ha 30 anni ed è uno dei più giovani del gruppo di “4 bambini nerd” che hanno curato la localizzazione (fanno giusto eccezione un paio di ventenni) 😉


Noi Anziani™ cominciamo ad aver problemi a capire le persone 🙁

L’altro giorno mi segnalano che in una discussione sul P2P forum è presente una mia guida (una FAQ di Mozilla Italia): si tratta di un copia/incolla nudo e crudo con tanto di immagini ma senza alcuna citazione della fonte o dell’autore originale.

Sinceramente non mi sono mai posto il problema di “proteggere” quel tipo di documenti: si tratta di guide realizzate per aiutare gli utenti e semplificare il lavoro di moderazione del forum, se circolano anche su altri forum o siti ben venga. Ovviamente è gradito un link o una segnalazione del documento originale, a nessuno è mai stato né verrà mai negato il permesso di utilizzarle.

Detto questo, mi iscrivo per far notare la cosa e l’utente mi risponde.

PS: aggiunta la fonte e… mettici una licenza creative commons se vuoi che venga sempre rispettata la pagina di origine

A questo punto, nella parziale assurdità della risposta, ci siamo resi conto di una cosa: sia il sito che il forum di Mozilla Italia riportano semplicemente un copyright dell’Associazione, mentre sarebbe opportuno rilasciare il materiale (o parte di esso) con una licenza diversa.
Questo non significa che per citare l’autore sia necessaria una licenza CC, come sembra pensare l’utente in questione; un © significa semplicemente che non puoi prendere quel materiale e farci quel che vuoi, stop, che piaccia o meno.

Risultato: oggi mi accorgo che la guida è stata rimossa, è rimasto solo un link ad un’altra pagina (meno completa) ed è presente questa fastidiosa frase

Motivo: le persecuzioni lasciamole ai nazisti e al medioevo

Direi che uno dei due non ha capito nulla, e stavolta credo di non avere colpe…

Peraltro oggi ho già preso del fascista-moderatore e un paio di insulti da un utente con deficit di QI…

Tutto questo fa il paio con una discussione di qualche giorno fa sul forum di Mozilla Italia: si tratta di lamentele che nascono ciclicamente, cambia il periodo e cambiano gli autori ma non gli argomenti. Il motivo è semplice: per una precisa scelta dello staff quello è un forum di supporto, niente off-topic, per semplificare la ricerca si limitano al minimo i doppioni (e vi assicuro che è complicato) chiudendo e cestinando le discussioni su argomenti già trattati, si parla solo di Mozilla e del relativo supporto, i moderatori non fanno i simpaticoni di turno.

Evidentemente è una scelta impopolare, ma è un dato di fatto che sono ben pochi i problemi che rimangono irrisolti su quel forum.

A proposito di forum di supporto, se avete tempo vi invito a leggere questo articolo (in inglese): parla della figura degli Help Vampire, che in italiano potremmo tradurre come “I vampiri che si nutrono di aiuto” (maledetta prolissità della lingua italiana).
Ecco una traduzione dell’introduzione:

È un fenomeno così regolare che potreste usarlo per regolare i vostri orologi. Il declino di una comunità è prevedibile come il processo di decadimento di alcuni isotopi nucleari stabili. Non appena un progetto Open Source, un linguaggio, o quello-che-volete-voi raggiunge una certa notorietà – il periodo di dimezzamento, se volete – loro appaiono, apparentemente in grado di risucchiare la linfa vitale della comunità stessa.

Loro sono gli Help Vampire. E io sono qui per fermarli.

Se avete mai frequentato/moderato/amministrato un forum, quell’articolo va letto 😉


È con estremo piacere e malcelàto orgoglio che vi presento un modo tutto nuovo di fare SPAM: si va sul forum di supporto di un browser (prendiamo Firefox giusto per fare un esempio) e si inserisce un indirizzo sostenendo che quel sito si è impossessato del browser e continua a sostituire la pagina iniziale predefinita.

L’idea è buona, però sarebbe il caso di svegliarsi un poco… Ecco un elenco degli errori commessi dal nostro innovativo amico:

  • scelta del nick. Non usare un nome utente che è praticamente identico al nome del forum ;-): se il forum si chiama sonounpirla, non usare sono1pirla come nick (ogni riferimento a nomi e cose reali è puramente casuale);
  • casella e-mail. Con una veloce ricerca in Google trovi che l’indirizzo e-mail usato per la registrazione è presente in un sito dove un tizio, che chiameremo IlPirlaCapo, cerca moderatori per una nuova community, chiedendo di essere contattato a quella casella di posta elettronica.
    L’argomento del nuovo forum è lo stesso del sito che sta possedendo il browser dell’utente; a questo punto vai sul sito sonounpirla e scopri che l’amministratore si chiama IlPirlaCapo.

Il prossimo errore sarà quello di far girare le scatole all’amministratore del forum facendo un nuovo tentativo 😉


Qualche link

13 marzo 2005

Oggi, girando su www.extenzilla.it, ho scoperto un nuovo blog ed un sito decisamente interessanti: Black Bird.

Sto anche cercando un buon forum di supporto per Mac OsX, dove rompere adeguatamente le scatole ad utenti più esperti di me: al momento ho visto macity.net, nei prossimi giorni darò un’occhiata a tevac.com, scoperto proprio grazie al blog citato in precedenza.