Obbligo F24 telematico

4 settembre 2006

Comunicazione di servizio per i titolari di partita IVA.

Il testo riportato di seguito è contenuto nel famigerato “Decreto Bersani”:

A partire dal 1o ottobre 2006 i soggetti titolari di partita IVA sono tenuti ad utilizzare, anche tramite intermediari, modalita` di pagamento telematiche delle imposte, dei contributi e dei premi di cui all’articolo 17, comma 2, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e delle entrate spettanti agli enti ed alle casse previdenziali di cui all’articolo 28, comma 1, dello stesso decreto legislativo n. 241 del 1997″

In un primo momento le alternative sembravano solo due:

  • utilizzare il software del ministero delle finanze (F24online, compatibile solo con Mac e Windows) e richiedere il PIN all’agenzie delle entrate
  • delegare il consulente/commercialista all’invio degli F24 con accredito sul conto corrente del cliente

In realtà ho scoperto che in alcuni casi (es. Unicredit) è possibile continuare ad utilizzare il proprio sistema di home banking: ad una mia precisa richiesta l’assistenza Fineco ha risposto

quest’ultimo [l’F24 Fineco] rappresenta uno dei canali autorizzati per il pagamento delle imposte in modalità telematica, come previsto dall’art.37 del D.L. 4 luglio 2006, n.223.