Leggo questa dichiarazione di Fassino e mi vengono dei dubbi:

E’ interesse strategico del Paese che la rete Telecom resti italiana

Ok, tutto bello, peccato che:

  • mi piacerebbe capire in che modo si possa intervenire nella gestione di un’azienda privata: una bella statalizzazione forzata?
  • forse era il caso di pensarci prima di privatizzarla: stiamo parlando del 1997-1999 e dei governi Prodi e D’Alema, se proprio volete prendervela con qualcuno… Sarebbe bastato scorporare la rete, mantenerla in gestione oppure affittarla per un lungo periodo: non è il mio lavoro ma immagino che esistessero decine di possibili e valide alternative.
  • perché quando il protezionismo è degli altri è brutto e cattivo? Questa non è un frase di Tremonti o Berlusconi, è dello stesso autore della prima citazione 🙄

    La piccola guerra energetica tra Francia e Italia dimostra solo che c’è ancora troppo poca Europa e non troppa. È una ben fragile difesa la tentazione neoprotezionista di fronte all’interdipendenza dei mercati e alla globalizzazione. Con concorrenti come Cina e India si può competere solo se l’Europa gioca la sua dimensione continentale con 450 milioni di abitanti e mette a fattore comune l’enorme potenziale tecnologico, produttivo e finanziario delle economie di tutti i suoi Paesi.


Riflessioni su FIAT

22 maggio 2006

Sono l’unico ad avere dubbi quando sente parlare di FIAT? Io avevo in portafoglio delle azioni FIAT (poche) e le ho vendute pochi giorni dopo l’indennizzo ricevuto da General Motors.
Dal mio punto di vista (quello di un non addetto ai lavori che non è in grado di leggere il bilancio di una società) la giustificazione è semplice: se una società sul baratro (GM) è disposta a pagare 1,55 miliardi di euro pur di non pigliarsi FIAT vuol dire che l’azienda ripudiata non è poi messa così bene, alla faccia dei manager e dei loro piani di risanamento.

Un anno fa FIAT piangeva miseria e batteva cassa (integrazione), le immatricolazioni e le quote di mercato erano ai minimi storici e, per concludere in bellezza, c’era lo sciopero delle bisarche. Negli ultimi mesi FIAT ha messo a segno un vero e proprio rally in borsa (guarda caso dopo che sono entrate le banche), ed ogni mese le immatricolazioni della casa torinese hanno incrementi percentuali notevoli: nell’ultimo mese +6.6% sul mercato italiano, +12% in Europa.
Come è possibile? Io non ne vedo molte in circolazione di Gran Punto, Idea e compagnia bella; non conoscendo il mondo dei concessionari di automobili, mi viene quasi il dubbio che stiano immatricolando a raffica le auto per poi rivenderle a km zero. Se è così tra 6-12 mesi sarà di nuovo miseria e andranno a chiedere al Governo degli incentivi per il mercato dell’automobile?

Quotazione titolo FIAT ultimi 6 mesi (fonte Yahoo)

fiat.png

Personalmente la FIAT che crolla in borsa per colpa dello scandalo Juventus mi sembra una gran presa per i fondelli…


Note di servizio Fineco

6 settembre 2005

Phishing
Attenzione al nuovo phishing che stavolta colpisce Banca Fineco.

Parmalat & Fineco
Quanti di voi hanno in portafoglio azioni Parmalat? Io, purtroppo, ne ho qualcuna e sono stufo di vederle: per conto mio quelle azioni sono carta straccia, e non si recupererà più un centesimo.

A quanto pare sembra che sia possibile vendere a Fineco le azioni al valore unitario di 0,001 € ; in questo modo è possibile far valere almeno la minusvalenza. L’alternativa è venderle ad altre persone che hanno a disposizione un conto titoli: secondo alcuni basta una scrittura privata in duplice copia, altri sostengono che serva un fissato bollato (??).
Personalmente sto cercando di informarmi tramite l’help desk.

A proposito della proposta di Alemanno di fine agosto, warrant in cambio delle vecchie azioni, vi consiglio di leggere questa pagina.