Consiglio musicale

2 agosto 2005

Finalmente sono riuscito a scovare una canzone che cercavo da diverso tempo: ogni tanto capita di sentirla come sottofondo di servizi televisivi (ad es. ieri sera a Sfide su Rai Tre), oppure come colonna sonora a telefilm americani.

Il titolo è Mad World di Gary Jules & Michael Andrews e su iTunes non si trova 🙁 (ma si trova in 2 secondi con Google)

All around me are familiar faces
Worn out places, worn out faces
Bright and early for their daily races
Going nowhere, going nowhere
Their tears are filling up their glasses
No expression, no expression
Hide my head I want to drown my sorrow
No tomorrow, no tomorrow

And I find it kinda funny
I find it kinda sad
The dreams in which I’m dying
Are the best I’ve ever had
I find it hard to tell you
I find it hard to take
When people run in circles
It’s a very, very mad world mad world

Children waiting for the day they feel good
Happy Birthday, Happy Birthday
Made to feel the way that every child should
Sit and listen, sit and listen
Went to school and I was very nervous
No one knew me, no one knew me
Hello teacher tell me what’s my lesson
Look right through me, look right through me

And I find it kinda funny
I find it kinda sad
The dreams in which I’m dying
Are the best I’ve ever had
I find it hard to tell you
I find it hard to take
When people run in circles
It’s a very, very mad world … world
Enlarge your world
Mad world

Un’altra canzone simile è Everything dei Lifehouse.


5 commenti/trackback a “Consiglio musicale”

  1. miki64 scrive:

    Non commento i gusti musicali del pseudotecnico (primo perché poi mi “banna” da questo blog, secondo perché i miei gusti musicali probabilmente sono peggiori…, ma mi fa piacere notare come egli abbia visto > su Raitre.
    In quell’occasione si parlava di piloti di Moto G.P. … bel servizio… erano 3 o 4 anni che non vedevo in televisione qualcosa (ad esclusione dei sommari dei TG e dei G.P: di moto, appunto…).

  2. apock scrive:

    Potrei dire una cavolata, ma la versione che dici te è una cover di quella, origiale dei tears for fears. Molto belle entrambe le versioni comunque, a prescindere.

  3. flod scrive:

    Grazie mille della segnalazione, in effetti l’originale è dei Tears for fears ma preferisco la cover scarna; la stessa cosa succede per “Time after time” di Cindy Lauper, sono molto meglio le cover 😉

  4. antiorario scrive:

    La versione di Gary Jules trova il suo massimo splendore nella penultima sequenza di Donnie Darko, di Richard Kelly. Per chi se lo fosse perso.

Trackback e pingback

  1. Coincidenze audiovisive at pseudotecnico:blog
    [...] Detto questo, ho notato delle coincidenze interessanti: un paio di settimane fa ho visto Donnie Darko, incuriosito dai commenti…

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.