Riflessioni sui MacBook*

18 maggio 2008

L’idea alla base di questo post è quella di raccogliere un po’ le idee in vista della sostituzione dell’attuale PowerBook: sperando di concludere la vendita la prossima settimana, l’acquisto avverrà in ogni caso dopo il WWDC di metà giugno (non si sa mai…).

Domanda: a cosa diavolo ti serve un portatile Apple?
Risposta: a far funzionare diversi software acquistati con regolare licenza (Aperture, Adobe PhotoShop CS3, TextMate, Transmit, Parallels) quando sono fuori ufficio e in caso di morte dell’iMac.

Questo significa: lasciamo fuori dal discorso i notebook x86 senza Mac OS X.

MacBook

Come ho già avuto modo di scrivere, l’attuale MacBook non mi attrae in modo particolare:

  • PRO: interessante la dimensione dello schermo (ma preferirei una risoluzione maggiore) e in generale le dimensioni del notebook
  • CONTRO: la tastiera (il fatto che ci si possa fare l’abitudine non è penalmente rilevante in questo dibattimento), materiali e scheda video integrata

Se decidessero di fare un MacBook con scocca (e tastiera!) in alluminio, ci potrei fare un pensierino: purtroppo il MacBook Air ci prospetta un futuro di tastiere plasticose.

MacBook Air

Continuo a non comprendere l’utilità di questo notebook:

  • PRO: spessore (ma ricordo che spessore≠dimensioni) e peso
  • CONTRO: tutto il resto (tastiera, espandibilità zero, batteria, hard-disk, prezzo)

Scherzi a parte, l’Air è perfetto per il “professionista viaggiante con necessità limitate”, ma questo ne dovrebbe fare un prodotto di estrema nicchia; al contrario, il sottile arnese sembra riscuotere un discreto successo anche tra i “fuori target”.

MacBook Pro

Se non si fosse capito, escludendo a priori il modello da 17″, si tratta dell’obbiettivo primario: scocca e tastiera in alluminio, risoluzione 1440×990 1440×900 e schermo a LED, trackpad multitouch, scheda grafica separata. Se poi ne facessero una versione con schermo leggermente più piccolo (ma più risoluto rispetto al MacBook) non ci sarebbero assolutamente dubbi.

Per questo motivo, l’altro giorno curiosavo nell’AppleStore e notavo la differenza di prezzo tra il modello base e il modello intermedio: quest’ultimo costa la bellezza di 400€ in più, il tutto per una scheda video con più memoria (512MB contro 256MB), hard-disk più capiente (250GB contro 200GB) e 0,1Ghz in più. Le caratteristiche non sembrano giustificare il divario di costo, ma non lasciatevi ingannare da quel misero 0,1Ghz:

  • il modello base monta un processore Penryn a 2,4Ghz (T8300), con cache L2 di 3MB (come il MacBook di fascia alta)
  • il modello intermedio monta un processore Penryn a 2,5Ghz (T9300), con cache L2 di 6MB

Stabilito questo, si tratta solo di valutare la differenza di prezzo e di prestazioni (questo articolo potrebbe aiutarvi): probabilmente non ne vale la pena, considerando che si tratterà sì e no di una differenza sui materiali inferiore a 150€.


26 commenti/trackback a “Riflessioni sui MacBook*”

  1. Mattia scrive:

    Io ho deciso di comprarmi un MacBook Pro ormai da tempo… Devo solo aspettare di finire la scuola e sperare in un regalo =P

  2. Hal scrive:

    Piccola correzione: la risoluzione del Pro è 1440×900 (non 990 😉 )

  3. Michele scrive:

    Articolo apprezzatissimo 😉

  4. flod scrive:

    @Hal
    Grazie, correggo il refuso 😉

    @Michele
    Ti è poi arrivata la mail chilometrica? 😉

  5. capemaster scrive:

    credo che mi prenderò un MacBook Pro per completare lo switch da windows…

    Ma volevo sapere da te se ci sono aggiornamenti in vista del Macbook Pro. Sia hardware che estetici.

    Io non riesco a fermi una idea ancora.

  6. sirus scrive:

    Effettivamente si sente la mancanza di un MacBook Pro di piccole dimensioni, 13.3″ secondo me sarebbe perfetto ma anche un 12″ non sarebbe male.

  7. sirus scrive:

    Dimenticavo, il MacBook è un buon notebook di fascia media, non si può certo dire che la qualità sia poi tanto alta, e parlo da possessore di MacBook di seconda generazione.

  8. flod scrive:

    @capemaster
    Da qualche mese si parla di MacBook con scocca in alluminio (anche per questioni ecologiche) e di nuovi MacBook Pro in stile nuovi iMac. Sinceramente la questione estetica mi interessa poco, ma l’idea di un MBPro nero e alluminio non mi ispira granché.

    Sul fronte specifiche tecniche, a giugno Intel lancerà la piattaforma Montevina (che comunque usa gli attuali processori Penryn). Bisogna vedere quando arriverà sui MacBook*

    Il periodo caldo per gli aggiornamenti sarà comunque quello degli acquisti “back to school season” negli USA (quindi pre settembre 2008).

    @sirus
    Meglio il 13″, il 12″ è troppo piccolo per i miei gusti

  9. flod scrive:

    Che poi, alla fine, non è detto che io scelga comunque il 15″ con la scheda video da 512MB (Aperture pare particolarmente ghiotto di memoria video…) 😕

  10. -Frantz987- scrive:

    complimenti x il blog e l’articolo!
    so che aspettare per un portatile è faticoso e noioso..
    ma forse ti conviene aspettare settembre… intel farà uscire la nuova famiglia di processori e sicuramente la Apple non starà a guardare.. e poi alcuni rumor confermano un cambio di design pure dei MacBook 😉
    a te cmq l’ardua scelta.

  11. flod scrive:

    @Frantz
    Grazie per i complimenti 😉

    Se aggiornamenti dovranno essere, ho l’impressione che sia più probabile l’inizio di agosto che non settembre: uscendo a settembre perdi tutti gli acquisti degli studenti che si concentrano in luglio-agosto.
    A questo si aggiunge che Intel presenterà aggiornamenti a giugno, e Apple è quasi sempre più avanti degli altri nell’adottare le nuove CPU.

    Quasi sicuramente avrò bisogno del notebook prima della fine di luglio per un viaggio, per cui cercherò di aspettare luglio (così saprò anche quando devo pagare di tasse per il 2007…). Difficilmente arriverò a settembre 😉

  12. kOoLiNuS scrive:

    da possessore di un PowerBook 15″ G4 e di un MacBook prima serie provo a scrivere due riflessioni a tarda ora …

    il G4 è una bella macchina ma scalda abbastanza TANTO di più del MacBook, cui in passato sono state imputate temperature da vergognarsi.

    Cio’ detto a discapito del MacBook vedo *solo* questi punti:

    * risoluzione e dimensione dello schermo, se lo usi – come me – per 10 ore al giorno con i 4 spaces attivi e zeppi di finestre di programmi vari ci stai stretto

    * delicato: vedi la questione del cavo di alimentazione che a molti si lesiona

    * batteria deludente: dopo 23 mesi ho dovuto comprare una batteria nuova. L’Acer (top di gamma) che ho preso nel 2003 ha ancora la sua batteria originale che tiene botta almeno per un’ora …

    Sul MacBook Pro ho sempre pensato che o si prende il piccolo o si prende il top, cioè il 17″ che ha tutto e di più di quel che si puo’ volere da un portatile … come giustamente rilevi la differenza di prezzo per la versione intermedia pare ingiustificata, ma alla fine, se vuoi la RAM video e la CPU di nuovo tipo tocca piegarsi a 90 e comprare in silenzio :-/

  13. Franco scrive:

    Potrei dirti una cosa non ancora letta nei commenti ne scritta da te. Rispetto al tuo powerbook , pure con scheda video separata, il macbook BASE da 999 euro e’ enormemente piu’ veloce del tuo powerbook, anche nella scheda video, pur avendo meno memoria (video) .

    Mi sa che ti tocca aspettare settembre, data di “sicuro” rilascio di nuovi portatili, oppure saltaci dentro e prendi il macbook pro da 15 pollici BASE poi gli metti un po di RAM , non da apple store si intende…!!

  14. flod scrive:

    @Franco
    Come termine di paragone non uso il PowerBook G4 quanto l’iMac (Core2Duo 2.16Ghz e scheda video da 256MB) 😉

    E in ogni caso il MacBook viene bocciato per la tastiera e, in parte, la risoluzione dello schermo (difficile lavorare sulle fotografie, anche occasionalmente).

    Detto questo, non ho mai pensato di prendere la ram su AppleStore: chiedono 160€ per passare a 4GB, quando after-market me la cavo con meno della metà (e ho 2 banchi da 1GB da riusare).

  15. kOoLiNuS scrive:

    ah, un’altra cosa … su cosa valuti la “scomodità” della tastiera del MacBook ??

    Io mi ci trovo ottimamente, meglio che con quella del MB e – forse per abitudine – anche rispetto a quella del PowerMac

    Ancora, per adottare i tastini anche sui MacPro e sui nuovi iMac le impressioni degli utenti non devono essere state cosi male, o sto prendendo un(o dei tanti) abbaglio ??

  16. flod scrive:

    Io trovo la tastiera del PowerBook in assoluto la migliore che abbia mai usato su un portatile, e credo anche che il costo della tastiera dei MacBook (e quindi delle nuove tastiere sottili) sia moooolto inferiore.

    In altre parole, non sono sicuro che le nuove tastiere siano frutto solo di scelte ergonomiche e di comodità 😉

  17. Alberto Strazzabosco scrive:

    Io ero un utilizzatore dell’ultimo PowerBook 12″. Una meraviglia. Peccato che me lo hanno rubato :-@ .

    Da allora ho passato 2 MacBook (non pro). Posso offrire un paio di considerazioni:
    – Il PowerBook era indiscutibilmente più lento, ma anche più affidabile nel calcolo. Con il G4 elaboravo, in keynote, presentazioni con immagini ad altissima risoluzione e disegni in EPS che postavano il tutto anche a 9 o 10 GB di progetto. Ci metteva una vita a pre-visualizzare ma poi cliccavo su conversione e me lo dimenticavo … mai inchiodato. Su x86 tutta un’altra musica 🙁 .

    – Il 13 pollici ha una risoluzione tale da non far rimpiangere i portatili più grandi.

    – Con la velocità con cui buttano fuori i modelli, tanto vale spendere “poco” e continuare ad aggiornare.

    – Attento alla tastiera, di cui sono un fanatico. Non mi trovo malissimo con quella dei MacBook. Per intenderci, non mi trovo neppure bene. Non ti aspettare la tastiera dei PowerBook sui MacBook Pro ! È plastica verniciata color metallo: UNA FETECCHIA. Almeno quella bianca non stinge ! Quando mi hanno rubato il mio 12″ sono corso a comperare un MacBook Pro … ma poi lo ho provato in negozio … il feeling non è assolutamente lo stesso.

    – Anche il touchpad dei MacBook è nettamente inferiore come “sensazione di utilizzo”. Anche se ora le funzionalità introdotte sono veramente comode.

    … non fanno più i computer di una volta !

  18. flod scrive:

    Cavolo, questa mi mancava: la tastiera dei MacBook Pro è in plastica?! 😡

  19. Mattia scrive:

    Ommioddio! Mi ci state facendo ripensare di brutto! Perché la Apple ha tolto tutte quelle “feature buone” delle vecchie versioni?

  20. Alberto Strazzabosco scrive:

    @Mattia

    Ha due nomi:
    – Industrializzazione di prodotto
    – Riduzione costi

    … ma io preferisco chiamarli: PETACCHINI 🙂

    Nota bene … tra l’altro hanno mantenuto l’unica cosa da togliere. È vero che la scocca in alluminio “fa figo”, ma da quando ho il modello “plasticoso” (MacBook non pro) ho scoperto le vere potenzialità del WI-FI. Minimo 25% in più (sulla ricezione del segnale).

  21. Michele scrive:

    @pseudotecnico:
    – perché aspetti META’ giugno? Il WWDC è il 9-13 (ok forse ci si avvicina al 15 :))
    – credi che ci sarà un refresh della piattaforma oppure aspetteranno settembre?

  22. flod scrive:

    – spero nel WWDC, anche se ho dei dubbi che gli aggiornamenti arriveranno in quell’occasione: la presentazione dei nuovi Intel è pochi giorni dopo e c’è in ballo l’iPhone 3G
    – uscire a settembre significa bruciarsi gli acquisti scolastici in America, è più probabile luglio. L’anno scorso, ad esempio, Dell ha presentato l’XPS M1330 proprio a fine giugno.

    Quasi sicuramente farò l’ordine prima della metà di luglio (probabilmente la seconda settimana), in modo da avere il MBPro per la trasferta in Canada.

  23. Marco Cortesi scrive:

    io ho optato per il 17” con 2.4GHz, 2GB ram (poi sostituita post-acquisto), 200GB (7200rpm), schermo LED (1920×1200), ce l’ho da un paio di mesi e sono contento

    piccole considerazioni:
    – non credo che la differenza di prezzo valga l’aumento del processore; me l’ha sconsigliato pure il venditore (che aveva tutto da guadagnarci)
    – ram: come ho scritto nell’altro post, aumentala tu
    – hd: ho preso questo perché più veloce ma non so se si senta molto la differenza (forse nella temperatura sì però), quindi magari meglio uno meno veloce ma più capiente (anche se ritengo che 120gb per un HD restano comunque più che sufficienti
    – schermo: ho scelto LED 1920×1200 perché è migliore e bla bla bla.. però… affatica parecchio la vista dato la dimensione dei caratteri… e non sperare di cambiare risoluzione, non ce n’è una decente (qualità – nitidezza) se non questa massima; tornerei indietro probabilmente mi accontenterei di quello normale.

  24. flod scrive:

    Be’, considerando che normalmente è la risoluzione nativa di un 24″, 1920×1200 su un 17″ è bella piccola 😛

    Il venditore ti ha sconsigliato il cambio di CPU sul 17″ o sul 15″? Perché sul 17″ passi solo da 2.5Ghz a 2.6Ghz, nel caso del 15″ cambia anche la quantità di cache L2 (doppia rispetto al 2.4Ghz).

    L’hard-disk da 200GB 7200rpm costa 45€ in più del 250GB 5400rpm, decisamente troppo 🙁

  25. Marco Cortesi scrive:

    ehm si scusa.. 2.5 al posto di 2.6, non avevo notato la differenza di cache.

    cmq LED mi pare sia solo a questa risoluzione, l’altra è ancora con la tecnologia “vecchia”, no?

  26. flod scrive:

    Sì, il LED è solo sul display ad alta risoluzione nel 17″

    Lo schermo ad alta risoluzione [N.d.PT. 1920×1200] dispone inoltre di retroilluminazione LED, che offre luminosità immediata su tutto il display e consumi più efficienti rispetto ai modelli standard.

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.