Buon 2007 con quiz musicale

31 dicembre 2006

Con questo post auguro un buon 2007 a tutti i lettori di questo blog; nella mia immensa magnanimità auguro un discreto 2007 a coloro che non hanno mai messo piede in queste lande desolate 😛

Visto che è periodo di ferie, in perfetto stile Davidonzo vi lascio con un quiz musicale: qual è la canzone misteriosa?

[audio:https://www.pseudotecnico.org/audio/quiz.mp3]

Si ringraziano 1 Pixel Out per l’utilissimo plugin Audio Player, GuitarBT per la base e un fottìo di arnesi per la registrazione.

Propositi per il 2007:

  • imparare Python (e ricordarsi che il dominio è .org, il .com è un sito da non visitare in presenza di occhi innocenti…)
  • fare in modo che ‘sto cacchio di blog raggiunga Page Rank 5, anche a costo di corrompere qualcuno 😛

Buon anno 😉


Piccola premessa: esiste già un apposito widget da utilizzare nella sidebar per visualizzare il numero di messaggi bloccati da Akismet (potete vederlo all’opera direttamente nel blog di Akismet).
L’idea è quella di realizzare la stessa cosa direttamente nel codice php della sidebar e, cosa fondamentale, creare un codice valido W3C.

Questo è il codice da inserire (disponibile anche come file di testo), realizzato prendendo spunto dal plugin Akismet Spam Count:

<?php
$count = number_format(get_option('akismet_spam_count'));
if (($count) || (function_exists('akismet_stats'))) {
?>
<div id="akismetwrap">
<div id="akismetstats">
<a id="aka" href="http://akismet.com" title="">
<span id="akismet1">
<span id="akismetcount"><?php echo $count; ?></span>
<span id="akismetsc">commenti spam</span>
</span>
<span id="akismet2">
<span id="akismetbb">bloccati da</span><br />
<span id="akismeta">Akismet</span>
</span>
</a>
</div>
</div>
<?php
}
?>

Il codice è molto semplice:

  • inserisce nella variabile $count il numero di messaggi spam bloccati
  • se Akismet risulta installato visualizza il div con tutti i dati, in caso contrario non visualizza nulla

Il codice html è identico a quello generato dal widget, con la differenza che vengono utilizzati due tag span al posto dei div.

Questo è il css da associare al banner; già che c’ero ho allargato un po’ l’immagine del widget originale.

#akismetwrap #aka, #aka:link, #aka:hover, #aka:visited, #aka:active {
color:#fff;
text-decoration:none;
}
#akismetwrap {
margin: 10px 0 0;
}
#aka:hover {
border:none;
text-decoration:none
}
#akismet1, #akismet2 {
display: block;
}
#aka:hover #akismet1 {
display:none;
}
#aka:hover #akismet2, #akismet1 {
display:block;
}
#akismet2 {
display:none;
padding-top:2px;
}
#akismeta {
font-size:16px;
font-weight:bold;
line-height:18px;
text-decoration:none;
}
#akismetcount {
display:block;
font:15px Verdana,Arial,Sans-Serif;
font-weight:bold;
text-decoration:none;
}
#akismetwrap #akismetstats {
background:url(images/akismet.gif) no-repeat top left;
border:none;
color:#fff;
font:11px 'Trebuchet MS','Myriad Pro',sans-serif;
height:61px;
line-height:100%;
overflow:hidden;
padding:15px 0 0;
text-align:center;
width:141px;
}


Previsioni per il 2007

27 dicembre 2006

Proviamo ad avventurarci sulla pericolosa strada delle previsioni per l’anno nuovo, campo in cui persone più ferrate del sottoscritto hanno sempre preso delle sonore cantonate…

Solo per citare un esempio: per il 2006 Robert Cringely aveva previsto sul fronte Apple un servizio .mac con 1 TB di spazio, frontrow con capacità DVR (Digital Video Recorder), nuovi MAC integrati all’interno di schermi al plasma di grandi dimensioni e una versione di Mac Os X liberamente utilizzabile su qualsiasi pc. Fallimento su tutto il fronte…

Aveva anche previsto un anno di pausa per Google, un anno in cui raccogliere soldi attraverso la vendita di nuove azioni, e infatti Google ha acquisito YouTube per 1.65 miliardi di $…

Il 9 gennaio si terrà al Moscone Center il nuovo keynote di Steve Jobs: cosa ci aspetta? Secondo me è troppo presto per Leopard (le indiscrezioni sull’utilizzo del file system ZFS sono troppo recenti, probabilmente arriverà sugli scaffali in primavera come previsto) e non vedremo un processore QuadCore su un iMac (per lo stesso motivo per cui non aveva senso montare un Conroe, magari se ne riparla nella seconda metà dell’anno).

Il 2007 sarà finalmente l’anno dell’iPod Phone, che sicuramente non si chiamerà iPhone, e dell’iPod 6G: su quest’ultimo non sono così convinto dello schermo intero touch-screen, troppo delicato per un player portatile, in fin dei conti ci sarebbe spazio sul retro per i controlli, oppure una soluzione slide-up con wheel a scomparsa…
Personalmente continuo a sperare in un tablet/ultra portable con Mac Os X da piazzare nella fascia di prezzo dei MacBook.

Altre novità arriveranno sicuramente sul fronte Google. La grande G potrebbe decidere di muoversi nel settore hosting, fornendo un servizio di hosting gratuito con domini di terzo livello e, magari, anche un hosting a pagamento acquisendo un ISP esistente e il relativo parco clienti. Di sicuro da quelle parti non manca l’esperienza nel campo della gestione dei data center
Veniamo alla previsione campata in aria: Google stipulerà accordi (o farà acquisizioni) per integrare informazioni meteorologiche nei propri servizi, in particolare Google Maps.

Sul fronte Microsoft prevedo un 2007 difficile: Windows Vista è, nel bene e nel male, una rivoluzione. I nuovi pc verranno venduti con il nuovo sistema operativo, la parte difficile sarà convincere gli utenti a cambiare il sistema operativo sui pc esistenti (o sostituirli).

Un’altra cosa da tenere d’occhio sarà l’integrazione tra cellulari, connessioni flat e VoIP: peccato che in questo campo contino più gli interessi economici delle limitazioni tecnologiche.

Tag Technorati:

In questa piccola guida vedremo come costruire una tag cloud artigianale per le categorie prendendo spunto dallo script presente in questa pagina.
Questo è il codice da inserire nella sidebar (è disponibile un file di testo con il codice):

<?php
// Recupero le informazioni sulle categorie dal database
$qrystr = "SELECT cat_ID, cat_name, category_count from $wpdb->categories ORDER BY cat_name";
$cats = $wpdb->get_results($qrystr);
//Recupero il numero massimo di post per una singola categoria
$max_value = 0;
foreach ($cats as $cat)
{
if ($max_value < $cat->category_count) {
$max_value = $cat->category_count;
}
}
//Considero 15 scalini , a partire da 60% a 200%
//Per modificare questi due valori basta modificare i valori delle variabili
$percentuale_minima = 100;
$percentuale_massima = 230;
$percentuale_scalino = 10;
$numero_scalini = ($percentuale_massima-$percentuale_minima)/$percentuale_scalino;
$post_per_scalino = $max_value / $numero_scalini;
// Stampo tutte le categoria all'interno di un div (id=cloud)
// assegno una classe alla categoria (o alle categorie) più grandi
echo '<div id="cloud">';
foreach ($cats as $cat)
{
$catname = $cat->cat_name;
$catlink = get_category_link($cat->cat_ID);
$postcnt = $cat->category_count;
$percentuale_fontsize = $percentuale_minima+(Round($postcnt/$post_per_scalino)*$percentuale_scalino);
echo '<a href="',$catlink,'"';
if ($percentuale_fontsize==$percentuale_massima) {
echo ' style="font-size: ', $percentuale_fontsize,'%" class="top_category" title="',$postcnt,' post">';
}
else {
echo ' style="font-size: ', $percentuale_fontsize,'%" title="',$postcnt,' post">';
}
echo $catname,"</a>\r";
}
echo "</div>";
?>

Breve spiegazione del codice:

  • effettuo una query sul database di WordPress (tabella categories); l’interrogazione restituisce l’elenco delle categorie ordinato per nome. Tutti i dati necessari sono già presenti nei risultati di questa query (grazie al campo category_count)
  • scorro tutti i risultati per ottenere il numero massimo di post per una singola categoria ($max_value)
  • stabilisco la percentuale massima e minima del font-size da utilizzare per il carattere, la distanza percentuale tra i vari livelli e il numero di post necessari per passare di livello (per calcolare questo valore mi serve stabilire il $max_value)
  • scorro le categorie e, ad ogni passo del ciclo, scrivo i dati della categoria corrente creando un link, nel tag title inserisco il numero di post (in questo modo apparirà un tooltip), se la percentuale del font-size è pari a quella massima assegno una classe speciale (top_category)

Questo è il css utilizzato per la tag cloud:
div#cloud {
border: 1px dotted #E4F0DB;
padding: 0.5em;
margin: 0.6em 0;
font-family: Tahoma, Verdana, Arial;
text-align: justify;
line-height: 1.7em;
}
div#cloud a.top_category {
color: #E87830;
}
div#cloud a.top_category:hover {
color: #C00;
}

A mio avviso questa soluzione presenta un vantaggio fondamentale rispetto al codice originale: non è necessario specificare nel css decine di classi per i vari link.

Tag Technorati: ,

Oggi, grazie al buon lucasali (uno dei moderatori del forum dell’Associazione italiana supporto e traduzione Mozilla) ho scoperto la soluzione a un problema decisamente fastidioso: ogni tanto capita di ritrovarsi nel bel mezzo della scrittura di un post o di un messaggio con la tastiera americana abilitata, per cui diventa impossibile digitare le lettere accentate.

Il problema è diventato particolarmente frequente con la versione 2 di Firefox in cui gli access key sono raggiungibili attraverso la combinazione di tasti SHIFT+ALT+accesskey (nelle versioni precedenti bastava ALT+accesskey).

Soluzione al problema: premere SHIFT+ALT

Premendo questa combinazione di tasti si passa dalla tastiera italiana a quella americana e viceversa.


Sito Agenzia delle Entrate

19 dicembre 2006

Mi accorgo oggi che hanno rinnovato il sito dell’Agenzia delle Entrate: layout fluido, codice valido W3C (HTML 4.01 strict),  nemmeno un’ombra di tabella per il layout, solo un paio di errori veniali nel css.
Un segno dei tempi che cambiano.

Tag Technorati: ,