Uno sguardo ai Mac Pro

8 agosto 2006

Devo confessare di essere decisamente attratto dai nuovi Mac Pro: tra le caratteristiche da segnalare il doppio processore Xeon (da 2 a 3Ghz), il supporto fino a 16GB di RAM DDR2 ECC a 667Mhz su 8 slot, supporto per 4 dischi SATA da 3Gb/s (per le specifiche tecniche complete vi rimando alle pagine Apple).

Per curiosità ho provato a configurare due sistemi simili (per quanto possibile): un Mac Pro e una workstation Dell.

Mac PRO: €4.414,17+iva

  • Due Intel Xeon dual-core a 2,66GHz
  • 4GB (4 x 1GB)
  • NVIDIA GeForce 7300 GT 256MB (DVI single-link/DVI dual-link)
  • Serial ATA 500GB 7200 giri/min 3Gb/sec
  • 1 x SuperDrive
  • Tastiera e Mighty Mouse Apple
  • Mac OS X
  • AppleCare Protection Plan per Mac Pro/Power Mac – Auto-enroll
  • Apple Cinema Display 23″

Dell Precision 690: € 5.799+iva+spese spedizione

  • Due Intel Xeon dual-core a 2,66GHz
  • 4GB DDR2 667 Quad Channel FBD Memory (4x1GB)
  • nVidia Quadro FX3500 256MB
  • Serial ATA 500GB 7200 giri/min 3Gb/sec
  • 16X DVD+/-RW Drive
  • lettore floppy
  • Tastiera e mouse
  • Windows XP Professional SP2
  • 3 anni garanzia NBD
  • seconda scheda rete Gigabit Ethernet
  • Dell UltraSharp™ 2407WFP 24” wide

Nel caso del sistema Dell non si parla di ram ECC (a differenza del Mac Pro); se poi si esclude il monitor (stranamente non è possibile farlo nel preventivo Dell) notoriamente più caro per Apple, il confronto diventa ancora più favorevole al Mac Pro.

Come si spiega questa enorme differenza? La scheda video montata sul Mac Pro costa un centinaio di euro, quella della workstation Dell (non esistono alternative BTO) costa 10 volte tanto.
Altro elemento da valutare: la garanzia Dell è di 3 anni NBD (next business day on site, ossia intervengono presso il cliente), la garanzia AppleCare è semplicemente ridicola in confronto (l’intervento presso il cliente è previsto solo in alcune località e non ci sono indicazioni temporali).

Tag Technorati: , ,

4 commenti/trackback a “Uno sguardo ai Mac Pro”

  1. Eric Bigagli scrive:

    La tua è un’analisi più che accurata per i tempi che corrono, le case produttrici (cfr DELL ,HP ecc.) mirano a fare ordini e quantitativi stock per abbassare i prezzi dei loro quantitativi hardware in acquisto, e di certo non si sogneranno mai di offrire finezze tecnologiche come le RAM ECC o controller SAS (serial SCSI) che per via del loro costo maggiore il profitto sarebbe comunque inferiorie per i capitali rispettivamente investiti, quindi lasciano a noi utenti professionali che chiediamo solamente che un PC “funzioni” di trovare (leggi scovare) le periferice atte a correggere errori di S.O. miopisticamente voluta elusa da queste ditte, La Apple, (che ovviamente guarda al profitto) investe invece sulla lunga scadenza, in quanto un apple, quando lo accendi sai perfettamente che eseguirà sempre e solamente quelle operazioni (cosa impensabile con windows) le sue componenti sono costruite sulla piattaforma apple per funzionare su apple, senza possibilità di conflitto tra periferiche ne compatible mode, cosicché il prodotto apple viene inevitabilmente apprezzato da chi lo usa semplicemente perché non deve fare i conti con l’instabilità cronica di altri sistemi eccezion fatta per qnx, linux, Irix ecc.
    Nella mia ditta, il sette di agosto abbiamo festeggiato con tartine e spumante l’annuncio dei MacPro, abbiamo infatti riconsiderato tutto l’aggiornamenrto delle macchine (winxp) per il porting in ambiente mac, staremo adesso a vedere i primi roadshow delle unità consegnate, se ne vale la pena acquistarle ora o aspettare la prossima primavera.
    Il consiglio che posso darti è che questi nuovi prodotti apple si collocano nella fascia di mercato per la piccola e media impresa e colma una lacuna mostruosa, se utilizzi il PC per LAVORO ti consiglio Apple per un investimento sicuro , magari aspettando prima un po le prove tecniche sul campo.

    A presto

    Eric Bigagli

  2. flod scrive:

    In effetti sto aspettando i test sul campo delle configurazioni BTO; già se ne leggono diversi fatti sui sistemi in configurazione standard (2×2.66Ghz, 1GB ram, nVidia 7300GT) e parlano di un sistema estremamente silenzioso e con buone prestazioni anche con Rosetta.

    In particolare sono curioso di vedere le prestazioni della ATI X1900 e di scoprire i prezzi delle RAM non Apple (Kingston in particolare).

    Altra cosa: a breve verranno presentati i successori quad Core degli attuali Xeon, magari nel 2007 li vedremo già come BTO sui Mac Pro. Sinceramente non sono interessato alle prestazioni dei Quad Core, però questa novità dovrebbe portare ad un calo di prezzo per i WoodCrest 51xx.

  3. kOoLiNUS scrive:

    Hai aggiornamenti in materia ?

  4. flod scrive:

    Alcuni voci di corridoio parlano di aggiornamenti a gennaio per il MacWorld 2007, io non ci credo molto.

    Puoi aspettare ancora un mese? 😛

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.