Il post B.

13 novembre 2011

Sono più o meno le 5 del mattino in un hotel di Berlino, il wifi viaggia a velocità penosa e ho accumulato sonno sufficiente per le prossime due settimane, per cui i pensieri potrebbero essere meno lucidi del dovuto.

Leggo Facebook, corriere.it e vedo tanta gente festeggiare per la caduta di Berlusconi. Sarò pessimista ma c’è ben poco di cui essere contenti. Vedo un paese che scende in piazza per quello che è un atto dovuto in democrazia, che si illude che la nostra crisi sia dovuta a una sola persona e che è probabilmente talmente pieno di risentimento da chiudere un occhio di fronte ad atti di violenza. Oggi si chiude un capitolo nero della nostra storia moderna ma, viste le premesse, quello che abbiamo di fronte potrebbe non essere tanto meglio. Potrebbe e dovrebbe essere l’occasione per tornare a essere un paese più civile e meno diviso, invece ho l’impressione che si stia solo preparando il terreno per un nuovo Mr. B.


5 commenti/trackback a “Il post B.”

  1. miki64 scrive:

    Odio parlare di politica, ma forse dovrei ricordarti le leggi ad personam del suo governo?
    2001: – Falso in bilancio.
    – Stop alle rogatorie internazionali.
    2002 Legge Cirami (legittimo sospetto).
    – Conflitto d’interesse.
    – Legge Pecorella (niente appello per l’accusa).
    – Decreto salva-calcio (diluizione delle svalutazioni dei giocatori sui bilanci per 10 anni).
    – Incentivo statale all’acquisto dei decoder televisivi (Finanziaria).
    2003 – Legge Tremonti bis (detassazione delle plusvalenze e abolizione dell’imposta di successione).
    – Lodo Schifani (immunità per le alte cariche dello Stato). *
    – Decreto salva-Rete4.
    – Inasprimento pene epr i falsi decoder.
    2004 – Legge Gasparri (sistema televisivo).
    – Decreto Certosa (sul segreto di Stato).
    – Sanatoria sui reati ambientali e sulle coste.
    2005 – Legge ex-Cirielli (taglia-prescrizioni).
    2008 – Legge blocca-processi.
    – Lodo Alfano (immunità per le late cariche). *
    – Aumento al 20% dell’IVA delle pay-tv.
    – Aumento al 20% quota azioni proprie che ogni società può acquistare e detenere in portafolgio.
    2009 – Scudo fiscale.
    – Legittimo impedimento. *
    2011 – Prescrizione breve.

    * = Bloccati dalla Consulta.
    ——————————
    Da cittadino, credo che chi verrà dopo di lui non sarà meglio, ma difficilmente farà di peggio…

  2. flod scrive:

    Onestamente non me la sento di condividere il tuo ottimismo.

  3. Giuliano scrive:

    Condividere l’ottimismo a parte, conosci qualcuno che ha fatto più danni di lui dal 94 a oggi?
    E nel panorama politico nazionale odierno vedi qualche qualunquista, malversatore e in palese conflitto di interessi che possa fare peggio di lui?
    Io no.
    Il mio terrore è che alle prossime elezioni si ripresenti lui a reclamare il posto che ha lasciato ieri e che gli italiani (popolo senza memoria) glielo diano un’altra volta.

  4. Engelium scrive:

    L’Italia è il paese dei tifosi, lo sappiamo… non esiste il giudizio critico su cosa accade, ma solo fazioni da appoggiare a qualsiasi costo od osteggiare con ancor più forza

    Il giudizio su Berlusconi lo lascerei agli storici onestamente… ora gli italiano devono solo trovare il loro nuovo punto di riferimento da osannare o denigrare, ed in malora la politica e la realtà

  5. miki64 scrive:

    Onestamente non me la sento di condividere il tuo ottimismo.

    E chi è ottimista?
    Dico soltanto che siamo arrivati in un punto talmente basso che difficilmente chi arriverà dopo potrà fare di peggio. E so bene che Sinistra e Destra sono tutti uguali (magari gli uni sono INCAPACI e gli altri sono LADRI, ma in fondo entrambi gli schieramenti sono uguali).
    Ho lo stesso timore di Giuliano, comunque: non vorrei che gli insuccessi di chi subentrerà al governo B. poi rilancino daccapo proprio il cav. B.
    Speriamo in facce nuove e forze fresche, giovani.. …speriamo… mah…..

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.