Lo PseudoVista

3 febbraio 2007

Finalmente stamattina ho trovato il tempo di installare Windows Vista sul “muletto”: si tratta della versione Business Upgrade (ricevuta con il MAPS).

dopo_small.jpg

Caratteristiche del muletto, hostname Mordor 😛

  • Pentium 4 3.0Ghz
  • scheda madre Abit IS7
  • lettore DVD
  • scheda video ATI Radeon 9250 128MB
  • 1 gb di ram
  • 2 hard-disk SATA da 160GB in Raid1 (controller sulla scheda madre)
  • monitor Dell 24″ con connessione VGA (la DVI è già occupata dal desktop, Sauron)

Primo problema: l’installazione della versione upgrade deve essere avviata da un’installazione funzionante di Windows, quindi non è possibile installarla direttamente su Parallels. Purtroppo non si riesce ad installarla nemmeno partendo da una macchina virtuale con Windows XP: l’installer si blocca per la mancanza del supporto ACPI.

A questo punto installo Windows XP Pro sp1 e poi faccio l’upgrade a Vista; tra le altre opzioni è possibile fare l’aggiornamento senza mantenere le impostazioni del sistema operativo già presente (la cartella windows viene rinominata in windows.old).

L’installazione procede rapida e indolore: l’unico driver richiesto è stato quello del controller SATA, per il resto il sistema si è arrangiato in maniera egregia e decisamente rapida. Nel giro di mezz’ora il sistema è installato e funzionante, anche se c’è qualche problema con la qualità dell’immagine (gestire la risoluzione di 1920×1200 non è cosa semplice).

prima_small.jpg

Un momento di tregua dell’alzheimer mi permette di ricordare che, da qualche parte, ho una scheda video decisamente più performante della Radeon: una Geforce FX5700LE con 256MB. Sostituendo la scheda, l’analisi delle prestazioni migliora decisamente e l’immagine sul monitor è ottimale.

dopo_small.jpg

Windows Vista mi concede persino il lusso di attivare Aero: finestre semitrasparenti (basta guardare la parte superiore della finestra nel secondo screenshot), chiusure con animazioni della finestra, scroll 3D tra le applicazioni (l’unica utilità di questa funzione è stupire i conoscenti…).
Nota a margine: la fluidità degli effetti di Mac Os X è ancora molto lontana 😉

Rispetto alla RC1 le prestazioni sembrano decisamente migliorate: il task manager (che non si chiama più task manager ma Gestione attività) segnala circa 450MB di Ram occupata (con Aero, Firefox e NOD32).

La cartella con i dati dell’utente non è più posizionata in “Documents and settings” ma in “Users”: nella finestra del file manager tale cartella verrà visualizzata come cartella Utenti (viene introdotto un livello intermedio localizzato in stile Mac Os X), la cartella Documenti corrisponderà alla directory c:\users\nome_utente\Documents.

Cambia anche la barra degli indirizzi

barra_indirizzi.jpg

Facendo clic sulla parte vuota della barra degli indirizzi sarà possibile digitare il percorso come nelle precedenti versioni di Windows: ad esempio, per raggiungere la cartella dei profili di Firefox basterà digitare %Appdata%\Mozilla\Firefox\Profiles (il percorso corrispondente su disco è C:\Users\nome_utente\AppData\Roaming\Mozilla\Firefox\Profiles).

Piccolo tip: se volete aprire il prompt dei comandi, basta digitare cmd nella barra degli indirizzi.

Tag Technorati: ,

7 commenti/trackback a “Lo PseudoVista”

  1. Giovy scrive:

    Piccolo tips per quanto riguarda l’upgrade “obbligatorio” solo con una versione installata: pare che sia possibile usare una versione upgrade anche per una clean install, secondo quanto spiegato in un documento interno MS.
    Ulteriori dettagli (e giacchè hai una versione upgrade potresti provare e farci sapere se funge): http://www.windowsitpro.com/Article/ArticleID/95011/95011.html?Ad=1
    Bye! 😉

  2. Giovy scrive:

    Chiarisco: clean install SENZA un sistema operativo precedente, perchè la clean install è comunque possibile anche facendo un upgrade da XP.

  3. flod scrive:

    Grazie per il link 😉

    Non ho un secondo muletto da provare (e non voglio spupazzare l’installazione funzionante): in ogni caso stasera provo con Parallels e vedo subito se funziona 😉

  4. Gioxx scrive:

    Ne più, ne meno di quello che era uscito fuori da un mio test fatto poco tempo fa su una RC (che, se non sbaglio, è stata la versione “ultimate” rilasciata poi ufficialmente). “Buon test” su Vista 😉

  5. flod scrive:

    Ne più, ne meno

    Passiamo dal CEPU? 😛

  6. Gioxx scrive:

    Tzè, non mi formalizzo sugli accenti più di tanto quando scrivo nei commenti dei blog eh 😛

Trackback e pingback

  1. pseudotecnico:blog » Blog Archive » Windows Vista: installare direttamente la versione upgrade
    [...] prima cosa ringrazio il buon Giovy per il prezioso suggerimento, poi ne approfitto per segnalarvi una panoramica sulle opzioni…

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.