Sono al sicuro con FON?

24 giugno 2006

In questi giorni continuano sui blog le discussioni su FON, scatenate da un articolo di Punto Informatico a cura di Marco Calamari. Aldilà dei punti deboli dell’articolo perfettamente evidenziati dal post di Pandemia, non sono d’accordo con quanto scritto da Tambu:

Questioni legali invece ce ne sono parecchie, è cosa nota. Chi ha FON vìola la legge Gasparri.
“E quindi? – mi sono detto quando l’ho ordinato – è un problema? Forse che chi ha Emule sta a posto con la coscienza? Non vìola la legge Urbani e qualche altra decina di norme?”

Pur non usando nè FON nè eMule, ritengo che siano due cose molto diverse tra loro: FON comporta dei problemi legali in partenza (per la legislazione attuale), eMule è potenzialmente illegale (come tutto il P2P). Se uso eMule per scaricare materiale non protetto da diritti d’autore oppure tutelato da licenze CC che permettono la libera diffusione del materiale, non credo di violare le legge in alcun modo.

Lasciando comunque le discussioni sulla legislazione attuale a chi di competenza, mi limito a fare una riflessione: se hai un profilo Linux o Bill e qualcuno sfrutta la tua connessione (e quindi il tuo IP) per commettere attività illegali, come ti difendi? Abbiamo già letto di sequestri da parte della magistratura che sono finiti con un buco nell’acqua; nella migliore delle ipotesi chi ha subito il sequestro è rimasto senza macchine per mesi.

Visto che non c’è un log di una dimensione apprezzabile, come posso difendermi? Come posso dimostrare di non essere l’autore di quelle operazioni? Praticamente il mio router risulta più pericoloso di un pc zombie? Attendo risposte chiarificatrici da qualche fonero 😉

Se avete un router FON, consiglio caldamente la lettura dell’articolo sulla sicurezza di FON a cura di Andrea Beggi; già che ci siete date un’occhiata ai commenti, sono decisamente interessanti.


Visto che la Rai quest anno ha deciso di farci vedere solo le briciole dei mondiali, il prode Firefox viene in nostro aiuto. Come? Ovviamente grazie ad un’estensione, Joga.com Companion, sviluppata in collaborazione tra Mozilla e Google nell’ambito della campagna pubblicitaria Blowfish (pesce palla).

Ecco un elenco delle funzionalità offerte dall’estensione:

  • modifica l’aspetto del browser aggiungendo uno sfondo alle barre degli strumenti e alla barra di stato; l’utente può selezionare il proprio tema all’interno di un elenco legato alle nazioni che partecipano alla manifestazione
  • appoggiandosi al sito Joga.com, creato da Google e Nike, mostra nella barra di stato i risultati delle partite in corso; se si verificano eventi (ammonizioni, gol, ecc. ecc.) viene visualizzata una finestra pop-up nella parte inferiore destra della finestra del browser
  • in un’apposita barra laterale vengono mostrati i risultati delle ultime 3 partite giocate, le partite in programma, le notizie sui mondiali da Google News
  • al termine dell’incontro viene visualizzato il resoconto della partita tramite un pop-up

Segue una serie di screenshot dell’estensione in azione; vediamo se qualcuno nota qualcosa di strano 😉

Finestra del browser

browser.jpg

Dettaglio pop-up

gol.jpg

Resoconto della partita

dettaglio.jpg


In base alla roadmap ufficiale, Firefox 3.0 sfrutterà il motore di rendering Gecko 1.9: con questa release cesserà il supporto per i sistemi Windows9x/Me.
Nonostante il rilascio di Firefox 3.0 sia previsto per il primo quadrimestre 2007, questa scelta ha già iniziato a scatenare polemiche: in questi giorni è stata approvata ed inserita nel trunk la patch per rimuovere il supporto a tutti i sistemi operativi pre-Windows 2000 (vedi bug approvato, contro bug, discussione su MozillaZine).

Personalmente trovo prematuro eliminare completamente il supporto ai sistemi Windows9x/Me: esistono ancora troppi pc collegati ad Internet con questi sistemi operativi.

Prendiamo il caso di eXtenZilla: si tratta di un sito dedicato alle estensioni che si suppone venga visitato da persone con un interesse per i pc sopra la media. Nonostante questo nel mese di giugno risultano diverse migliaia di richieste da parte di utenti con Windows98/Me; stessa situazione per il forum ed il sito di Mozilla Italia.
Consideriamo un sito che non c’entra nulla con l’informatica: in base alle statistiche oltre il 7% degli utenti usa ancora Windows98/Me.

Nonostante questo ci sono i “talebani” come Gervase Markham; ecco una traduzione sommaria del suo post:

Continuano le discussioni sul fatto che la versione 3 di Firefox, che verrà rilasciata da Mozilla Project nel 2007, non supporterà i sistemi operativi della famiglia Windows 9x

Secondo me, le argomentazioni basate sulle quote di mercato di Windows98 ed i confronti sulle date di rilascio dei vari sistemi operativi che supportiamo sono del tutto irrilevanti. Il punto chiave è che a partire dall’11 luglio 2006 Microsoft non rilascerà più aggiornamenti (nemmeno quelli di sicurezza critici) per i sistemi operativi della famiglia Windows9x. E siccome si tratta di un sistema operativo proprietario, nessun altro potrà farlo.

La mia opinione è che continuare a supportare questi sistemi con un browser o altri software legati ad Internet dopo che il fornitore ha chiuso il ciclo di supporto è irresponsabile, perché dà agli utenti l’illusione di poter usare questi sistemi in modo sicuro per navigare in Internet.

Se tutto procede come previsto, intorno all’11 luglio dovrebbe essere rilasciato Firefox 2. Perciò se abbiamo a cuore la sicurezza dei nostri utenti, perché non rimuoviamo volutamente il supporto per Windows 9x anche in questa versione, anche se non è indispensabile farlo per motivi tecnici?


É disponibile per il download la versione 2.0.3 di WordPress in lingua italiana; per ulteriori informazioni vi invito a leggere la notizia relativa sul sito di WordPress Italy.

Valgono le usuali precauzioni per l’aggiornamento: fare un backup dei file e del db, disabilitare i plugin e procedere con l’upload dei file aggiornati.


Problema: durante l’installazione di una distribuzione recente di Linux su un mini-itx EPIA-M (nel mio caso la scheda madre è una EPIA ME-6000 LVDS), subito dopo le schermate testuali lo schermo diventa completamente illeggibile (verificato con diverse distribuzioni tra cui Kubuntu, Ubuntu Server, SME Server).

Soluzione: disattivare il frame-buffer.

Nel caso di SME Server: premere SHIFT durante il boot e digitare linux nofb (vedi bug relativo)

Nel caso di Ubuntu Server 6.06: selezionare il tipo di installazione, premere F6 per accedere alle Other Options, dopo i “–” della stringa esistente lasciare uno spazio e digitare debian-installer/framebuffer=false (ricordando che, con la tastiera americana attiva, il carattere “/” si ottiene premendo il tasto “-“, “=” con il tasto “ì”, “-” con il tasto “‘”).

UPDATE: per la cronaca, Ubuntu Server 6.06 termina correttamente l’installazione ma non riesce ad avviarsi (kernel 2.6.15-23-server): praticamente fa il reboot subito dopo aver decompresso il kernel. Per il momento ho trovato questo bug, spero di riuscire a trovare una soluzione 😕

UPDATE 2: direi che c’è qualche problema con la iso di ubuntu-server (vedi forum)


Sono disponibili per il download le versioni aggiornate di Firefox, Thunderbird e SeaMonkey. Si tratta di aggiornamenti che risolvono alcuni problemi di sicurezza e di stabilità; tutti gli utenti sono invitati ad aggiornare i propri software all’ultima versione disponibile.
A partire da questa versione Thunderbird viene distribuito anche nel formato Universal Binary per i Mac con processore Intel.

Gli utenti delle versioni 1.5.x di Firefox e Thunderbird riceveranno automaticamente l’aggiornamento nelle prossime ore; vi ricordiamo che è comunque possibile cercare manualmente gli aggiornamenti attraverso l’apposito comando (in Mac Os X si trova nel menu Guida, in Windows nel menu ?).

Link utili: