Letture

22 ottobre 2006

Valutata e scartata con una punta di ribrezzo l’offerta domenicale di trasmissioni televisive, ne ho approfittato per finire la lettura dell’ultimo libro di Giorgio Faletti: “Fuori da un evidente destino”.

L’inizio del libro promette bene, bella scrittura, poi la trama prende improvvisamente una deriva spiritualistica/soprannaturale che, secondo me, poco si addice ad un thriller. Non me ne vogliano gli amanti di Faletti, ma il finale è decisamente inconsistente (nel senso che non sta in piedi…).
Nella mia personale scala di valutazione è il meno riuscito dei tre libri dell’autore astigiano dopo, in ordine di preferenza, “Io uccido” e “Niente di vero tranne gli occhi”.

Decisamente meglio il libro precedente: Michael Connelly, “Il ritorno del poeta” (titolo originale “The Narrows”, 2004).

Sul comodino mi attendono “A rischio”, l’ultimo libro di Patricia Cornwell, e “Al buio” (titolo originale “Dead simple”), un thriller di Peter James caldamente consigliato da un amica. Spero solo che il libro della Cornwell non sia l’ennesima delusione.

Tag Technorati: ,

5 commenti/trackback a “Letture”

  1. Andrea Paiola scrive:

    Ma leggi solo thriller? 😛

  2. flod scrive:

    Praticamente sì: fanno eccezione i manuali tecnici, qualche romanzo (es. Stefano Benni e Pennac), il Signore degli Anelli 😉

  3. Giovy scrive:

    Io sto aspettando che mi arrivi (l’ultimo di Faletti), ho appena controllato su BOL e pare l’abbiano spedito… quindi può darsi che lo trovi oggi al ritorno a casa, insieme ad un altro libro molto interessante che mi riguarda “da vicino” (Il quadro dei delitti. Un’indagine del principe di Sansevero), dato che il principe Di Sangro è nato dove abito io. 🙂

  4. prometeo scrive:

    Due consigli poco obiettivi:
    L’inganno di Prometeo (per evidenti motivi) e Il segreto di Ambler di R. Ludlum.
    Se ti piacciono i libri giornalistici con una venatura di romanzo ti consiglio caldamente Immersione rapida di S. Sontag e C. Drew: un libro sulla Guerra (non tanto) Fredda sottomarina, davvero affascinante ed istruttivo.
    Altro libro che ti incolla da prima ad ultima pagina: Dean Koontz, Il fiume nero dell’anima.
    Buona lettura!

  5. flod scrive:

    Piccolo aggiornamento: Patricia Cornwell migliorata rispetto agli ultimi libri, anche se probabilmente non lo consiglierei come acquisto 😉

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.