Firefox in gendarmeria

5 gennaio 2006

La Gendarmerie Nationale francese ha dichiarato di volere adottare il browser Firefox su 70.000 postazioni Internet entro la fine del 2006; la notizia è disponibile sul blog di Tristan Nitot, presidente di Mozilla Europe.

La motivazione è disarmante nella sua semplicità e verità: Firefox rispetta gli standard W3C e funziona allo stesso modo su Linux, Mac e Windows; la Gendarmerie non ha alcuna intenzione di vincolare i propri utenti ad un particolare editor o sistema operativo.

Ci sono altri spunti interessanti che emergono dal frammento di intervista:

  • entro la fine del 2006 i servizi Intranet verranno resi aderenti agli standard W3C
  • utilizzano già OpenOffice.org
  • prevedono di installare Thunderbird su 45.000 postazioni

La conclusione è la classica ciliegina sulla torta: “ci stiamo spostando verso il Software Libero per renderci indipendenti dal Sistema Operativo”. Eventuali miglioramenti al codice verranno restituiti alla comunità.

Per ora una notizia del genere in Italia è pura fantascienza.


3 commenti/trackback a “Firefox in gendarmeria”

  1. halifax scrive:

    L’ulteriore conferma del perchè parole come libertà, uguaglianza ecc. abbiano preso piede in quella nazione prima che in altre.

    Non per niente su queste basi hanno fatto una rivoluzione, ormai per certe cose i francesi hanno dei geni nati e sviluppati dalla stroria.

    Ciao

  2. miki64 scrive:

    Tifo italiano, sempre… ma su queste cose ha ragione halifax…

  3. jooliaan scrive:

    Ciao pseudoT 😉
    Purtroppo vedo solo ora questo tuo post e come t’ho risposto sul mio blog non l’avevo ancora letto quando ho pubblicato l’articolo tratto da macitynet.it

    Mi spiace.
    Ciauz! 😀

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.