Some updates

25 maggio 2013

Keon - Cool package

Riassunto delle ultime due settimane:

  • Per vari motivi ho dovuto mettere mano a mozilla.org e l20n.org. Confesso candidamente che era da tempo che non mi sentivo così ignorante. Il primo è basato su Playdoh (python, django, node.js, less, ecc. ecc.), il secondo su Jekyll (Ruby). Mi sono sentito un po’ come quel soldato giapponese, l’unica differenza è che nella grotta io stavo facendo siti con layout a tabelle per Netscape 4.
  • Per non essere risucchiato dal vuoto cosmico della mia ignoranza, ho deciso di colmare almeno una lacuna storica. Libro attualmente in lettura: Jeffrey E.F. Friedl, «Mastering Regular Expressions».
  • È arrivato un altro telefono, di questo passo potrò aprire un call center nel giro di qualche mese (qualche dettaglio in più sull’originale packaging in questo simpatico video) 🙂
  • Nel precedente post parlavo di Firefox OS Simulator. Se volete fargli fare un giro in italiano, potete provare le versioni l10n autoprodotte su r2d2b2g.flod.org
  • Dopo anni di Linux in VM, ho deciso di provarlo su un portatile “fisico”. Onestamente non mi aspettavo un disastro simile all’alba del 2013. Sono tentato di rimetterci sopra il vecchio disco e virtualizzare per non perderci ulteriore tempo.
  • Ormai scrivo più in inglese che in italiano, e non so se questo sia un bene.

Keon Wallpaper

Come se non bastasse la quantità di cose in ballo, stamattina mi sono collegato al server che ospita questo sito e ho trovato il load sopra 30 (normalmente ha valori del tipo 0.0x): top non mostrava processi con utilizzo di CPU significativo, solo uno spropositato consumo in user space. Nel dubbio, dopo aver provato a riavviare la qualunque, ho riavviato il server, stessa solfa. Un simpatico netstat -an | grep :80 ha mostrato qualcosa come 1200 richieste da un singolo IP, drop dei pacchetti con iptables e il carico è tornato a vegetare. Mi mancava giusto il DOSsatore del sabato.
09:40:28 up 1:06, 1 user, load average: 0.07, 0.18, 3.04


9 commenti/trackback a “Some updates”

  1. miki64 scrive:

    Dopo anni di Linux in VM, ho deciso di provarlo su un portatile “fisico”. Onestamente non mi aspettavo un disastro simile all’alba del 2013. Sono tentato di rimetterci sopra il vecchio disco e virtualizzare per non perderci ulteriore tempo.

    Dopo che mi hanno distrutto il Samsung N 120, ho provato con estrema soddisfazione a sostituire il Windows 7 del nuovo netbook con il Linux Mint 13 Mate di Alberto Arpaia.
    Il miglior Linux da me provato! UNA SCHEGGIA! Completo, facile, veloce, affidabile!

    Preso da una smania irrefrenabile, ho quindi creato una copia del mio s.o. con le personalizzazioni tramite Remastersys (di serie su Mint) e quindi l’immagine ottenuta (una clonazione che permette l’avvio da live cd e successiva installazione) l’ho installata nelle partizioni di tutti i miei altri PC – tranne quello di mio padre perché non ne ho avuto il tempo.

    Con mia somma sorpresa TUTTO funziona: è il mio sogno, lo stesso sistema operativo con le stesse impostazioni, gli stessi account, gli stessi documenti, gli stessi meni… su dei PC molto diversi tra loro per hardware e driver.
    Ovviamente i vari PC non si avviavano più perché il GRUB del netbook aveva diversi MBR e cose del genere negli altri PC… PC che non si avviavano più se non con il disco d’avvio del Super GRUB!

    Questo http://wiki.ubuntu-it.org/AmministrazioneSistema/Grub/Ripristino non mi è servito, mentre ha funzionato alla grande questo https://help.ubuntu.com/community/Boot-Repair
    (è una mini distro da avviare, basata su Lubuntu).

    Insomma, questo per dirti che Linux non è come Windows o Mac che ce ne è uno da installare: ce sono tante di distribuzioni e occorre sbattersi un po’ per trovare la versione che si adatta alle proprie esigenze (io cercavo una versione facile, LTS e con un buon supporto multimediale, non mi serviva il resto).
    Aveva ragione tittoproject quando mi consigliava di abbandonare Ubuntu e passare a Mint!

    Comunque, per rendere il mio post un po’ più utile, eccoti che cosa mi ah scritto quella persona pugliese che hai conosciuto a Milano:

    Ubuntu 13.04 è davvero sorprendente: non si blocca come mint (almeno sul mio, anche se credo sia flash a bloccarla oppure firefox 64 ha qualche problema non ho ancora capito), la personalizzazine di Cantaro è ben fatta. Hai a disposizione 4 ambienti desktop : Cairo, Gnome 3.6 ,Gnome classic fallback e Gnome classic senza effeti grafici (gli ultimi due sembrano in effetti uguali perché per attivare gli effetti di rotazione del desktop bisogna utilizzare i driver del produtore della scheda grafica). Unity può non piacere però funziona bene e grazie ad ubuntu twaek si può personalizzare ulteriormente. Con ubuntu funziona lo schermo in modalità touch ed anche il blutooth, lo stesso non posso dire di mint anche se a me non importa.Non gradisco le ditate sullo schermo! Una cosa che li accomuna entrambe è che non posso riprodurre dvd criptati. Grazie ad ubuntu sono riuscito a capire come far accettare con samba le stampanti (visualizzarle nella rete a seconda se sono collegate su mio PC o su quello di mio nipote).Con mint non ci ruscivo devo dire che ubuntu è fortemente votato verso la rete anche quella domestica.
    Questa è la mia personale opinione in merito.

  2. flod scrive:

    Miki, forse dimentichi che qualche esperienza con Linux ce l’ho 😉

    Xubuntu funziona perfettamente sul Samsung (era in fiera), ho provato ad installarlo sul Chronos 7:
    * Linux Mint: scheda wireless non pervenuta, quando cerchi di installare il driver ATI il sistema parte solo in modalità testuale (ed è indispensabile per evitare che la ventola continui a girare). Non parliamo poi quando provi a passare da Cinnamon a Mate.
    * Ubuntu: scheda wireless non pervenuta, driver ATI manco c’ho provato.

    Al momento ho su una Debian 7, quantomeno sono riuscito a far funzionare la scheda Wi-Fi, anche se ci mette un minuto buono ad attaccarsi alla rete di casa. Appena ho tempo (quando??) provo con i driver ATI ma non ho grandi speranze.

    Morale della favole: se vuoi un portatile con Linux nativo, conviene prenderlo in base alla compatibilità dei componenti. E onestamente non mi aspettavo che fossimo ancora a questo punto.

  3. Franco scrive:

    Ciao! Volevo chiederti una cosa circa il telefono con Firefox OS: che tu sappia é possibile effettuare l’Hotspot tramite la wifi? Posso impostare manualmente quindi l’Apn di connessione anche con Hotspot? Grazie!

  4. gialloporpora scrive:

    Come è quel libro che stai leggendo? Più che altro è scritto in un inglese semplice?
    Io le regex le ho sempre fatte funzionare, però mi interesserebbe leggere un po’ di teoria sull’argomento..

  5. flod scrive:

    @franco
    Si’, c’è un’opzione apposita. Questa è la schermata sulla 1.1, ma credo ci sia anche sulla versione 1.0.1 (quella del Keon).

    @gialloporpora
    Sono al primo capitolo e l’inglese è standard (comprensibile). Onestamente è raro trovare libri tecnici con inglese troppo complesso.

  6. gialloporpora scrive:

    Ok grazie. Lo prendo,
    Io le regex le avevo “imparate” con l’articolo che c’era su MDN (vecchia versione) e un po’ con sed , non fa mai male un buon libro tecnico e con un po’ di teoria in più.

  7. flod scrive:

    Per il momento è molto semplice, a giudicare dall’esempio da cui ci sono arrivato (rimuovere commenti da file .properties e .dtd) dovrebbe diventare un po’ più complesso.

  8. miki64 scrive:

    @pseudotecnico
    Sì, lo sapevo che tu Linux lo conosci e sai usarlo…. 😉
    Volevo solo dirti di provare più distribuzioni e di non fermarti a quella più nota, ma vedo che ne hai provate addirittura tre…
    Ciao.

  9. gialloporpora scrive:

    Una volta con FF c’era una bellissima estensione utilissima per imparare le regex (/Find/ che permetteva di fare la ricerca nel testo usando le regex), so che io usavo quella per fare i test perché era davvero immediato lavorare su una pagina web.
    Purtroppo mi sembra non sia più compatibile da Firefox 4.
    La cosa che ho sempre trovato complicata è quando si deve crearne una che lavora con più righe.
    In ogni caso buona lettura 🙂

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.