Mozilla ha annunciato i vincitori del concorso Firefox Flicks: personalmente non trovo un granché il vincitore “Daredevil” e soprattutto non capisco come “Fox Ever” sia potuto entrare nei primi cinque.

Grand Prize
“Daredevil” by Pete Macomber
http://www.firefoxflicks.com/flick/?id=19326

Second Place
“Wheee!” by Jeff Gill
http://www.firefoxflicks.com/flick/?id=19542

Third Place
“Fox Fever” by Andrew N. Green
http://www.firefoxflicks.com/flick/?id=21146

Honorable Mention
“This is Hot” by Danny Robashkin
http://www.firefoxflicks.com/flick/?id=20674

Honorable Mention
“Give Me the Soap” by Chris Wedding
http://www.firefoxflicks.com/flick/?id=19836


Ignorare Mozilla

26 aprile 2006

Se non l’avete notato da soli ve lo faccio notare io che sono un po’ bastard inside 😛 : gli amici di SwZone si sono persi per strada gli annunci per le release 1.5.0.2 di Firefox (ok… avevano già dato l’annuncio con qualche settimana di anticipo) e Thunderbird (questa è proprio passata sotto silenzio).

Cosa faranno la prossima settimana i nostri eroi? Si abbasseranno a dare l’annuncio? A quanto pare verrà rilasciata in fretta e furia una versione 1.5.0.3, ringraziando i simpaticoni che pubblicano uno zero day exploit che tanto per cambiare affligge la gestione del codice JavaScript.


MacBook Pro 17″

24 aprile 2006

“Siore e siori”, è arrivato il MacBook Pro da 17“! A soli (sic!) 2.899 € vi portate a casa:

  • Schermo widescreen da 17″ con risoluzione 1680×1050
  • Intel Core Duo a 2,16GHz
  • 1GB (SODIMM singola) di SDRAM DDR2 a 667MHz
  • Disco rigido Serial ATA da 120GB a 5400 giri/min
  • SuperDrive 8x a doppio strato
  • ATI Mobility Radeon X1600 con 256MB di memoria GDDR3
  • Una porta FireWire 400, una FireWire 800 e tre USB 2.0

Addio Excom

22 aprile 2006

Con questo post saluto definitivamente Excom, visto che anche il secondo dei miei domini ha traslocato oltreoceano; ho già avuto modo di scrivere ampiamente sulla mia storia personale con Excom, per cui questo sarà un post dedicato a riflessioni e consigli.

Nei 10 mesi trascorsi sull’hosting di Excom, con 2 piani Advanced Linux Server, ho avuto modo di sperimentare:

  • un numero imprecisato di down, di lunghezza e durata assortita, e qualche piccola disfunzione (tipicamente spazio su disco finito con conseguente blog a pallino)
  • la morte del mail server con perdita dell’archivio messaggi e configurazione degli account
  • problemi di prestazioni con il server mySql (risolte inizialmente passando mySql su un server stand-alone)
  • un blackout totale di un paio di settimane
  • il crash&down del server mySql con danneggiamento dei dati (nel caso di eXtenZilla molto limitato)

L’unica cosa che ha sempre funzionato bene (nel mio caso) è stata l’assistenza via trouble ticket.

Come promesso passo alle riflessioni.

ESPERIENZA: siete un’azienda giovane, forse troppo (ma questo l’ho scoperto tardi, mea culpa): un minimo di esperienza avrebbe suggerito di correre ai ripari (in gergo tecnico “pararsi il culo”) subito dopo il problema con il mail server (backup, mirror hardware o software, un esorcista), invece è evidente che il primo danno non ha insegnato nulla.

SITO WEB: alcune informazioni presenti sul sito Internet non rispondono a verità. Potrei sbagliarmi ma il servizio di backup giornaliero non ha mai funzionato (quantomeno durante il mio periodo di permanenza su Excom): visto il costo dell’hosting non è una vergogna non offrire un servizio di backup, lo è attirare clienti pubblicizzando un servizio inesistente.

FORUM: durante il periodo di buio avevo già dato a Gianluca Varisco il mio consiglio personale: chiudete il forum e limitate l’assistenza ai ticket, così com’è il forum è un inutile punto di ritrovo di ragazzini idioti. Evidentemente era un consiglio del cavolo, visto che avete deciso di ristrutturare il forum; non contenti avete deciso di aprirlo agli off-topic e trovare dei moderatori.
Ora… io non ho esperienza in materia di hosting ma in materia di forum e moderazione qualcosina la so: i moderatori si scelgono per tutta una serie di capacità, tecniche ed umane, non perché ne fanno richiesta. Attualmente avete sul forum almeno due moderatori: uno si è fatto portavoce dell’azienda durante il periodo di down in un modo che io non condivido (usando un eufemismo), l’altro è spuntato fuori dal nulla ed inserisce simili post intelligenti.
Altra cosa che non è chiara è se questi moderatori stiano lavorando per la gloria: non sono fatti miei per cui non pretendo una risposta, ma visto che Excom è un’azienda e non un ente caritatevole sarei curioso di saperlo.
In ogni caso: contenti voi, contenti tutti 😉

TRASPARENZA: questo è il vero punto dolente di tutta la storia. Passi che vi stiate facendo esperienza sulle ossa dei clienti, ma non è bello essere pure presi per il deretano. Allo stato attuale io (cliente pagante) non so cosa sia successo nel vecchio datacenter per costingervi a spostare i server in fretta e furia, nè tantomeno cosa sia successo al server mySql: mi spiace scriverlo ma i due comunicati ufficiali lasciano il tempo che trovano.

Prendiamo il caso del server mySql: il server andava, con qualche calo di prestazione ma nessun problema sui dati (non ho letto nulla in proposito sul forum prima del down); stavate facendo un intervento di manutenzione programmata ed il disco (a quanto pare il solo disco) decide di saltare, corrompe dati che fino ad un quarto d’ora prima erano buoni e vi costringe a ricorrere ad una ditta esterna di recupero dati? Ripeto: non mi occupo di hosting, ma mi sembra una spiegazione al limite dell’inverosimile.

In seguito ai tre episodi più gravi (mail server, mega blackout, mySql server) avete offerto ai clienti esistenti nuovi piani di hosting o il rinnovo del piano esistente. Gentilmente, mi spiegate cosa me ne faccio di un altro anno oppure di un altro sito su un hosting che mi fa vivere con il patema d’animo? Forse è il caso di intervenire alla radice e risolvere i problemi, non fare offerte riparatrici ai clienti.


Sono ufficialmente disponibili per il download le nuove versioni di Thunderbird e di Mozilla Suite; come previsto Thunderbird salta un numero di versione (1.5.0.1) per allinearsi con la release del browser Firefox.

Mozilla Thunderbird 1.5.0.2 include aggiornamenti relativi alla sicurezza e miglioramenti sul fronte della stabilità del software; sono disponibili per la consultazione le note di rilascio in lingua inglese ed una lista dei bug risolti. Come avvenuto per Firefox, grazie al nuovo sistema di update gli utenti della versione 1.5 riceveranno automaticamente l’aggiornamento nelle prossime 24-48 ore.
A differenza di Firefox non è ancora disponibile per Thunderbird il supporto nativo ai MacIntel attraverso le build Universal Binary (previste per la versione 1.5.0.3).

Mozilla Thunderbird 1.0.8 (note di rilascio in lingua inglese, elenco dei bug di sicurezza risolti) rappresenta l’ultimo aggiornamento del ramo di sviluppo 1.0.x: tutti gli utenti del client e-mail sono caldamente invitati ad aggiornare il proprio browser all’ultima versione disponibile (1.5.0.2).

Come sempre il supporto per le versioni ufficiali di Thunderbird potrà essere richiesto rivolgendosi all’apposito forum.

Infine anche Mozilla Suite riceve un aggiornamento alla versione 1.7.13 (note di rilascio in lingua inglese, elenco dei bug di sicurezza risolti): ricordiamo agli utenti che non verranno sviluppate nuove funzionalità nella Suite, ormai abbandonata da Mozilla. Chi fosse interessato ad avere il supporto nativo per i Mac con processore Intel dovrà necessariamente utilizzare SeaMonkey 1.0.1 Universal Binary. In caso di dubbi o richieste vi invitiamo a consultare il forum relativo.


Nelle prossime ore Mozilla Foundation dovrebbe rilasciare Thunderbird 1.5.0.2 e Mozilla Suite 1.7.13 (o quantomeno un aggiornamento della suite), saltando un numero di versione (1.5.0.1) per il client e-mail con lo scopo allinearsi con la release attuale di Firefox: a quanto pare si sono verificati dei piccoli ritardi a causa di problemi con le localizzazioni.

Ultimo consiglio: tenete d’occhio l’home page di Google, dovrebbero esserci novità in arrivo a partire dalle prossime ore 😉