Live 8

3 luglio 2005

Stamattina sto cercando di recuperare un po’ di arretrati e, visto che non si tratta di lavori particolarmente impegnativi, sono accompagnato dalla televisione su cui passa la registrazione post 22:00 del concerto di ieri sera. Lavorare con un sottofondo di Sting, The Who e Pink Floyd che suonano dal vivo diventa quasi un piacere.

Il concerto è stato emozionante e mi ha riportato alla mente il primo grande concerto che ho visto in TV: era il 1992 e si trattava del tributo a Freddie Mercury.

Qualità del concerto a parte, vedere la diretta su Rai Tre è stato un supplizio:

  • una marea di pubblicità: mai vista tanta tutta assieme su un canale rai, sarà un caso? Dove finiscono quei soldi?
  • un conduttore che non sa NULLA di musica, l’altra che non sa nulla del resto; non c’era nessuno di qualificato per parlare di musica ed esprimere un concetto sul problema contemporaneamente?
  • improvvisazione allo stato puro: espressione ebete dei conduttori per 10 secondi ad ogni ritorno dai collegamenti esterni
  • traduttore che partiva quando voleva (o quando si svegliava?)
  • ospiti in studio che parlano per 5 secondi e vengono brutalmente interrotti per fare sentire tre idioti tatuati
  • collegamenti con altre città sospesi nel bel mezzo di una canzone

Un commento/trackback a “Live 8”

  1. Uncino scrive:

    io, infatti, fin dove mi è stato possibile me lo sono visto via streaming sul web 😉

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.