Senza parole…

5 giugno 2005

Risposta di TopHost alla mia lamentela…

Salve, abbiamo ricevuto moltissimi messaggi di questo tipo, veramente una cosa di cattivissimo gusto nonche’ una totale mancanza di rispetto nei confronti di gente che lavora, che deve far fronte alle richieste di assistenza dei clienti “seri” che hanno dei problemi “seri” e che, piu’ educatamente, attendono il loro turno per la soluzione dei problemi.
Ci troviamo invece, oggi domenica, a rispondere a centinaia di queste richieste assolutamente inutili visto che le difficolta’ di trasferimento del dominio mozillaitalia.org non sono assolutamente ascrivibili a noi ma ad una serie di anomalie che hanno coinvolto: il cliente, il precedente provider, il registrar ma certamente non noi.
E comunque sarebbe bastata una semplice richiesta di assistenza da parte del nostro cliente, non serve “protestare”, se lei ne dubita noi siamo un’azienda seria che pensa di avere a che fare con persone “serie” e rispettose del lavoro altrui…purtroppo in questa circostanza ci siamo sbagliati e siamo qui “ingolfati” di richieste deliranti a sottrarre il nostro tempo proprio ai quei clienti seri che “attendono il loro turno” e sono rispettosi.

Che dire: l’ennesima dimostrazione di come spesso “chi e’ fuori delle regole” finisce per avere ragione, attenzione e penalizzare chi invece le regole le segue.

Con un po di tristezza la salutiamo e speriamo di tornare ad interloquire in momenti e con termini diversi.

Appunti in ordine sparso:

  • aver sopportato una settimana di black-out totale (di forum e sito ma soprattutto delle vostre risposte) mi sembra sinonimo di “aver atteso il turno”
  • chissà come mai le colpe sono sempre di altri
  • la pagina di TopHost è comparsa da lunedì 30 maggio, questo significa che il trasferimento del dominio è avvenuto; se poi TopHost non attiva il pannello di controllo…
  • le richieste di assistenza sono state fatte (e non solo una); se si è arrivati a questa soluzione, è stato solo come extrema ratio vista la totale assenza di risposte

Dubito che torneremo in futuro ad interloquire.


17 commenti/trackback a “Senza parole…”

  1. Nicola Mattina scrive:

    Una delle cose divertenti di questi messaggi è l’uso delle virgolette in funzione di sottolineatura, per cui un cliente serio diventa “serio” tra virgolette. Dalle mie parte virgolettare una parola significa si-fa-per-dire. C’è un’immobiliare vicino casa mia che ha scritto sulla vetrina “vero” architetto in sede 🙂
    Ad ogni modo, lingua a parte, questi signori di TopHost sembrano proprio degli idioti integrali. Che motivo dovrebbe avere uno a comprare un servizio da un’azienda che ti da dell’idiota? Di servizi di hosting è piena la rete, soprattutto di quelli economici… magari se ne riesce a trovare qualcuno scadente, ma che risponde in modo gentile 😀
    In bocca al lupo… Nicola

  2. stark scrive:

    C’è gente frustrata che non fa nulla per non farlo notare pur sapendo che, nel mondo di internet, un’uscita del genere è un mezzo suicidio commerciale.

    Letto il post di Epifani e questo, non posso fare a meno di pensare che qualcuno là dentro abbia perso il controllo, rivelando un dilettantismo imbarazzante in fatto di comunicazione d’impresa. D’accordo che l’assioma “il cliente ha sempre ragione” ormai è anacronistico, però esistono le vie di mezzo, e non costerebbe nulla scusarsi anche quando le responsabilità non sono del tutto proprie.

    Benché “squattrinato” credo che mi guarderò bene, quando ne avrò bisogno, dal rivolgermi a questi signori.

  3. Laburno scrive:

    Hanno aperto il vaso di pandora.
    Non dureranno a lungo, ma forse entreranno nella storia.

    Un po mi dispiace perché mi piace pensare che sia stato un gesto impulsivo di un membro guidato dallo stress, e non una cosa organizzata a tavolino. Però alla fine: che ne so.

  4. Laburno scrive:

    Mmmm perchè ho commentato un post del 2005, pensando che fosse storia recenete?

    mmm

  5. flod scrive:

    Non ne ho idea 😛

    Forse il tutto serve a dimostrare che le cose cambiano ben poco 😉

  6. stark scrive:

    Ovviamente nemmeno io avevo letto la data. Epifani, linkando questo post, poteva dirlo 🙂 (comunque cambia poco, e forse fa preoccupare di più)

  7. Cliente"soddisfatto" scrive:

    ragazzi quante polemiche….sarò uno sprovveduto ma il servizio tophost ha me piace.
    Semplice intuitivo e soprattutto economico.
    Clienti squattrinati… disservizi? Io sono 2 anni che ho con loro diversi domini e mai uno sgarro. Fortuna? Non so. So solo che se non avessero avuto tutto questo successo nessuno si sarebbe accanito con tanta passione.
    Io continuo a dargli fiducia. (ps se vi è qualche professore di italiano: non ho potuto mettere troppi intercalari e solo il punto xche ho il tasto della virgola rotto :P) Visto i giudizi.. nei post letti.
    Saluti

  8. flod scrive:

    Il prof d’italiano t’avrebbe segato alla prima frase, altro che virgole 😉

    Lo ricordo una volta per tutte: leggete la data in cui è stato pubblicato questo post. Sono passati 26 mesi!

    Rifletteteci 😉

  9. Uncino scrive:

    Lo ricordo una volta per tutte: leggete la data in cui è stato pubblicato questo post. Sono passati 26 mesi!

    Io ho messo un plugin, realizzato dal buon Fullo (link), che mette un avviso sui post più vecchi, circa il fatto che appunto si tratta di post scritti qualche tempo fa.

  10. flod scrive:

    Lo so, ma uno spera che la gente legga le date 😛

  11. Uncino scrive:

    tsk … tutto il tempo che hai passato e passi ancora a risponde sui forum di MozillaItalia ed Extenzilla, non ti ha insegnato quanti niubboni esagerati ci sono a questo mondo? 😛

  12. flod scrive:

    La realtà è che sono un po’ masochista e mi piace crederci 😛

    Scherzi a parte: è difficile che un post del genere venga ripescato. Gli altri post, anche se vecchi, di solito hanno ancora un senso anche a mesi di distanza.

    Se dovesse ricapitare un simile ripescaggio sicuramente vedrò di dare un’occhiata al plugin 😉

  13. Cliente"soddisfatto" scrive:

    sto aspettando che mi risponda!! la a con l’h è voluta caro. Aspettavo che rispondesse al messaggio come hai fatto tu. Un errore cosi palese
    Grazie di avermi ripreso ma speravo che fosse stato lui
    (a meno che non sia tu…chissà)

    Saluti a tutti e il post nonostante la data errata è inserito visto i link tra nelle email dei clienti tophost.

  14. flod scrive:

    Ognuno è libero di scrivere nel modo che preferisce, ma lì si parla del “comunicato ufficiale” di un’azienda, inviato a qualche migliaio di clienti tramite e-mail e pubblicato in “brutta copia” su un forum: IMO in questi casi una rilettura e un controllo sul vocabolario non guasterebbero 😉

    Se può essere utile la stessa osservazione l’ho fatta sul blog di Wikio stamattina, quindi non è questione di antipatie nei confronti di TopHost.

    P.S. Se hai dei dubbi sull’identità di chi ti risponde e amministra questo blog, basta una ricerca con Google oppure una rapida occhiata alla pagina dei contatti: non ci vuole molto a trovare nome e cognome 😉

  15. luca scrive:

    Top Host costa poco ed ha un ottimo rapporto prezzo quualità il resto sono solo parole inutili…

  16. spada01 scrive:

    Ma si sta parlando di post vecchi, di questione di stile, di problemi di comunicazione più o meno commerciale, di grammatica e “H”. Ma voi avete mai provato il servizio Top Host? Due anni fa era una cosa (piuttosto scadente), ora è un’altra (abbastanza accettabile).
    Ho siti su server Aruba e altri, uno anche con Top Host. Mi piace provare, sperimentare (nel mio piccolo), rodare CMS di varia natura su differenti server, gratuiti, a basso costo, a costo “intero”.
    Ma perché non provate anche voi a pubblicare, testare e parlare, invece di giudicare solo un comunicato stampa o e-mail?
    Non difendo Top Host e non denigro voi, mi chiedo solo se il Web è destinato ad essere formalmente ottimo e vuoto come il cervello di un topo, oppure se si può ancora sperare di avere magari qualche problemino tecnico ma avere idee da pubblicare e condividere.
    Chissà…

  17. Fabs scrive:

    Questo che scrivo non c’entra nulla con gli host di poca serietà, ma alcuni ricorderanno di quando non esisteva l’HTML-mail, e per _sottolineare_ nelle e-mail in plain ASCII si usavano gli underscore.

    Così, moltissimi anni fa (lo dico in senso informatico), quando il “pezzo” si scriveva con le Lettera 22 e non c’erano né italic, né bold, per avvertire il proto che doveva usarli si inserivano virgolette e cose del genere.

    …Nicola, sii comprensivo: dagliela buona per le virgolette! Che non sia una questione generazionale?

    Proviamo a stabilire un ipotesi di postulato:

    -se uno s’incasina con le virgolette, ma non usa né “cmq”, né “nn”, né “xchè”, né le “k” al posto delle “c”, è Alzheimer;

    -se uno usa le “abbreviazioni di intelligenza” non è colpa del tedesco-che-mi-fa-dimenticare-le-cose ma si tratta di un figlio dell’era degli SMS, e quindi le colpe sono della catena educativa…

Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.