… serve a questo (via Luca su Twitter)?

Giusto per trasparenza, da queste parti non si è mai stati contrari alla pubblicità nei blog (AdSense,  text link ads e simili): qualche giorno fa mi hanno contattato via e-mail per inserire uno spazio pubblicitario su questo blog, la cifra offerta era più che ragionevole e il risultato lo vedete nella sidebar sopra al modulo di ricerca.

Stabilito questo, se mai un giorno mi vedrete andare in giro a vendere link come un rappresentante di pentole, fatemi una cortesia: sputatemi in un occhio ;-)

P.S. la prossima volta che partecipate a uno di quei simpatici concorsini dove il blogger di turno vi regala qualcosa, fateci un pensierino ;-)


60 commenti/trackback a “La popolarità di un blog…”

  1. Gioxx scrive:

    Un pò come vendere il deretano sull’adriatica, i miei complimentoni al PR di Sw4n che se la cava davvero bene, soprattutto con i calcoli prezzo/mesi.

  2. Luca Moretto scrive:

    il deretano sull’Adriatica? ma non siamo esagerati, in fine c’è anche chi lo fa gratis, solo per puro piacere di darla via… oops di darlo via… il link intendevo! :D

  3. wolly (paolo Valenti) scrive:

    A occhio sono circa 3.000 eurini all’anno, per essere tra i 5 blog più importanti mi sembra una cifra molto bassa, dovrebbe ,secondo me, rivolgersi ad una agenzia specializzata nella pubblicità su internet.

  4. Luca Moretto scrive:

    comunque la notizia è partita da Napolux, mi sembra giusto corretto farvi sapere questo.

  5. Napolux scrive:

    Un pò come vendere il deretano sull’adriatica

    Stabilito questo, se mai un giorno mi vedrete andare in giro a vendere link come un rappresentante di pentole

    Ehm, io non vedo cosa ci sia di strano a monetizzare il proprio blog usando il forum suddetto.

  6. Tambu scrive:

    ROTFL! ROTFL! ROTFL! ROTFL! ROTFL! ROTFL!

  7. flod scrive:

    Ehm, io non vedo cosa ci sia di strano a monetizzare il proprio blog usando il forum suddetto.

    Io sì, per due motivi:
    1) non andrei mai in giro a cercare inserzionisti per il mio blog. Detto questo è evidente che ognuno è libero di investire tempo e risorse come preferisce ;-)
    2) a quel punto ti viene il dubbio: quel determinato link è lì perché quello spazio l’ha comprato oppure no? Dov’è finita la trasparenza? Poi magari ci scandalizziamo perché le aziende comprano recensioni travestite da articoli sui settimanali e suoi quotidiani ;-)

  8. Napolux scrive:

    @pseudotecnico
    1) Sono scelte personali

    2) Beh, il lettore medio secondo me ha tutte le capacità di distinguere un redazionale o un link “pagato” da un post genuino e un blog-roll “senza fine di lucro”

  9. flod scrive:

    @Napolux

    Punto 2: io non la farei così semplice. Esempio pratico: in questo momento sul blog di sw4n ci sono link sponsorizzati? Quali? Se ci sono io non sono in grado di riconoscerli…

  10. Napolux scrive:

    Vado a caso: la sezione “Consigliati” IMHO è pubblicitaria.

    Che c’entrerebbero hotel, corsi di formazione professionale o auto usate con il blog?

    Ci vuole un po’ d’occhio… Dai… ;)

  11. Sw4n scrive:

    Premettendo che la mia linea di pensiero è già stata espressa da napolux, dico la mia.

    Mi hanno suggerito, di vendere alcuni link sponsorizzati sul mio blog, infatti il post sul forum non l’ho fatto partire io, ma un amico che mi ha detto di aver dimestichezza con queste cose. Ho naturalmente accettato, dividendo i link in due parti

    Consigliati (non credo che a giudicare dal contenuto del blocco tu non abbia distinto che questi sono i link sponsorizzati)

    E il tipico linkroll a icone con dentro i link dei blog che seguo, a rotazione, restituiti random ad ogni refresh grazie ad un piccolo script.

    Fondamentalmente io non ci vedo niente di male, e molti di quelli che ne discutono non ci vedrebbero nulla di male se si trovassero al mio posto. Anche perché, per quanto riguarda il “monetizzare” non vedo differenza tra adsense, banner offerti o richiesti e vendita di link testuali.

    Secondo il mio modesto parere è inutile scandalizzarsi se un blog vende spazi link, se poi si utilizzano metodologie analoghe di guadagno… :)

    Poi è sempre la solita storia, se lo fa un blog molto popolare si alza su un bel chiacchiericcio… E, te l’assicuro, sono in tanti ad aver venduto. Forse fa più comodo sberleffare (vendere link come batterie di pentole) solo per alzare quel polverone inutile che tanto fa share sui blog. Anche a ferragosto. :)

    In amicizia eh

    Sw4n

  12. Napolux scrive:

    @Sw4n
    Concordo su tutta la linea ;)

  13. maurizio scrive:

    allora, inizialmente la cosa mi ha fatto indignare, poi pensandoci bene, è solo che sono geloso del suo PR6.

    in linea di principio penso che faccia bene a vendere direttamente i link sponsorizzati, anche perché Text Link Ads ti paga solo il 50% di quello che raccoglie.

    l’unica cosa che mi fa ridere è il modo in cui dice:

    > uno dei blog tra i 5 piu’ popolari in Italia

    secondo chi ? blogbabel ? ma quanto è affidabile ?

    IMHO ( ripeto IMHO ) è un blog che non metterei mai tra i miei feed, e dando un occhio ai sui ultimi 10 post non trovo nulla di interessante …

    ne deduco ce la popolarità sia un elemento assolutamente soggettivo.

    fossi interessato ad un link, sarebbe interessante vedere le sue stats e capire con quali keyword ha una posizione interessante, anche perché a parte un po di PR non penso che i casinoonline abbiano molti referer da sw4n.

  14. Napolux scrive:

    @maurizio
    Beh, se proprio vuoi entrare nella psicologia del compratore di link conosco gente darebbe il cu*o per un link da una pagina che non visita nessuno, ma con PR7 o PR8.

    Misteri del marketing web :)

  15. flod scrive:

    Consigliati (non credo che a giudicare dal contenuto del blocco tu non abbia distinto che questi sono i link sponsorizzati)

    Mea culpa: ho visto il titolo della sezione ma non ho guardato il tipo di link che c’erano dentro. Davo per scontato che ci fossero siti “consigliati” per il loro contenuto, errore mio.

    E il tipico linkroll a icone con dentro i link dei blog che seguo, a rotazione, restituiti random ad ogni refresh grazie ad un piccolo script.

    Quindi, se non ho capito male, si alternano link del blogroll e link sponsorizzati: corretto?

    Anche perché, per quanto riguarda il “monetizzare” non vedo differenza tra adsense, banner offerti o richiesti e vendita di link testuali.

    Io invece ce la vedo, e bella grossa: AdSense, banner e compagnia bella sono facilmente identificabili come inserzioni pubblicitarie, volendo sono anche bloccabili usando appositi software (AdBlock e simili).

    In sostanza vendendo link (e mescolandoli al blogroll, se non ho capito male) impedisci al tuo lettore di capire se sta guardando un link che tu giudichi interessante oppure un link che ha acquistato quello spazio: non ti sembra una mancanza di trasparenza e di correttezza nei confronti del lettore?

    Forse fa più comodo sberleffare (vendere link come batterie di pentole) solo per alzare quel polverone inutile che tanto fa share sui blog.

    Se avessi voluto fare share l’avrei fatto in altro periodo e con altri metodi ;-)

  16. flod scrive:

    Aggiungo: ho accesso a due siti con PR6 (uno per un periodo ha avuto anche PR7), ma non mi è mai venuto in mente di vendere link. Evidentemente sarà un problema mio, oppure sarà che per vivere non vendo link ;-)

  17. Sw4n scrive:

    No, non hai capito. E mi sa che hai fretta di giudicare, perché basta guardare la colonna.

    I blocchi dei link son due. Consigliati e “dai tocca qui” con dentro i blog che leggo.

    I link venduti rimangono lì fissi. I link ai blog rimangono anche loro nella stessa posizione ma cambiano ad ogni refresh. E cambiano SOLO loro fornendo ad ogni refresh nuovi link di blog.

    Per te c’è differenza, per me no.
    Il risultato finale e l’ipotesi iniziale sono identiche.

    Ipotesi: monetizzare il proprio blog.
    Risultato: guadagnare dei soldi.

    Che tu scelga metodi (bloccabili o meno) non mi riguarda, puoi farne una questione di principio (e qui mi scappello), ma se vuoi guadagnar soldi sul blog è inutile additare chi vende link e santificare chi usa l’adsense. Così come anche i miei link sono facilmente identificabili come pubblicitari.

    Immagino che se avessi voluto far polemica non l’avresti fatta a ferragosto, ma avresti dovuto guardarti anche intorno. La scelta di vendere link testuali anche solo per cedere PR è molto ben voluta da parecchi blogger.

    Come dice bene maurizio, i miei post non sono niente di interessante. E’ un blog personale come tanti. ma giudicare un blog negativamente perché visto con gli occhi di chi del blog fa un altro uso mi sembra assurdo… Non siamo tutti tecnici, grazie al cielo, e si cazzeggia pure sul blog. :)

  18. Sw4n scrive:

    nemmeno io vivo per vender link, per carità. Sono scelte. Magari non è il tuo caso, anzi, so per certo che non è il tuo caso, il vivere per vendere link.

    Poteva venirti in mente di vendere link, di ospitare un banner a pagamento (cosa che succede dai tempi del cucco) o mettere gli adsense. Non sono mai stato abituato a discutere sulle personali scelte altrui. :)

  19. flod scrive:

    Mi dispiace contraddirti ma è la prima volta che leggo di blogger che vendono link testuali in questo modo, in caso contrario ne avrei già parlato: evidentemente non frequentiamo la stessa parte di rete, oppure non sono abbastanza attento. Se vuoi darmi qualche link, ho un po’ di tempo da perdere per leggere in questi giorni ;-)

    Sul discorso blogroll hai perfettamente ragione: rileggendo il tuo commento precedente si capisce che nella sezione “Dai tocca qui” compaiono solo link non sponsorizzati a rotazione.

    P.S. Sto parlando male di un metodo di fare pubblicità, non sto “giudicando negativamente” il tuo blog.

  20. Sw4n scrive:

    Mi sa che non frequentiamo la stessa parte di rete… :) Eppure ce ne sono alcuni, molto molto evidenti. Ma navigando di blog in blog prima o poi ci arriverai… Dopotutto lo scopo del tuo post era discutere di questi due diversi punti di vista: il mio e quello di napolux contro il tuo e di altri commentatori. :)

    il giudicare negativamente il mio blog era riferito a Maurizio… E’ assurdo comparare un blog personale ad un blog tecnico, è come paragonare un caffè canonico ad uno decaffeinato. Consideriamo l’area semantica relativa al blog che andiamo a giudicare, che a scriver cazzate non tutti siam così bravi.

  21. flod scrive:

    C’è anche da dire che normalmente i blog li leggo tramite feed reader, li apro nel browser solo per commentare oppure per vedere contenuti non disponibili nel feed: magari i link sponsorizzati sono lì in bella mostra e non li ho mai visti!

  22. Pierluigi Ruotolo scrive:

    Non vorrei dire una cazzata, ma mi era sembrato che su Pandemia si vendessero link e spazi pubblicitari…ad esempio le sezioni “TOP LINK” della barra laterale…

    Della serie “Tanti discorsi sull’autorevolezza e la trasparenza, e poi..”.

    Senza offesa per nessuno, ma non è che si può colpevolizzare solo Sw4n e poi fare le verginelle, che poi AdSense ce l’avete quasi tutti, ai meme, ai contest e agli scambi link partecipate in massa.

    Insomma, come al solito siamo pronti a scandalizzarci per un telefonino della Nokia o per quello che fa Sw4n, quando è un po’ tutto l’insieme ad essere squalliduccio.

    Signori miei, un po’ di coerenza: o decidete di “darvi al commercio” (senza accezioni negative) come Sw4n e Napolux, o fate gli autorevoli e i predicatori ma togliendo le pubblicità, sennò siete anche un pochino ridicoli (o quantomeno ossimorici).

  23. flod scrive:

    @Pierluigi: mi sembra di averlo spiegato chiaramente, sia nel post che nei commenti, perché non ha senso mettere sullo stesso piano le pubblicità esplicite come AdSense (ne cito uno giusto per capirci) e questi link.

    Non metto in discussione, né l’ho mai fatto, la possibilità di utilizzare inserzioni pubblicitarie sul proprio blog (io stesso ne ho almeno 3 tipi, sarebbe ridicolo), ma l’utilizzo di strumenti non trasparenti.
    Che poi non si sia d’accordo è un altro discorso, resta il fatto che non stiamo discutendo di “predicatori” ;-)

  24. Barbara scrive:

    Oddio che tristezza posso capire la pubblicità ma vendere links secondo me snatura i blog alla fine io mi fido dell’autore senno non lo leggerei penso che quel che trovo sul suo blog siano cose che lo interessano non che stiano li perchè pagano :/

  25. kOoLiNuS scrive:

    vabbe, se mi fate fare una barca di soldi vendo link (come li volete) altrimenti vendo le chiappe sull’adriatico a belle signore / signorine :D

  26. stefigno scrive:

    io sono insieme a Koolinus a braccietto :-)

  27. Luca Moretto scrive:

    mettiamoci un bel punto su questa storia. Il blog è dell’autore e l’autore ci fa quello che vuole! Se vuole mettere adsense li mette se vuole metterci donne nude per intrattenere più tempo i visitatori li mette, se vuole vendere link vende link.
    Tutto è partito anche da un mio twit che ha fatto alzare un pò questa piccola bufera di ferragosto ma l’ho fatto solo per pizzicarlo un pò.
    Continuo per la mia strada…. che forse è anche la vostra. W L’ADVERTISING!

  28. capemaster scrive:

    no…
    cheppalle mi sono perso la baruffa.

    Nello specifico io sono ancora più talebano.

    Rifacendomi ad un recdente post di Levysoft, credo che un blogger NON deva approfittare della sua influenza per fare dei soldi. Che vengano da link o da AdSense non importa.
    Secondo me viene meno quel rapporto lettore/blogger fondato sulla fiducia.
    Sì perchè se sei capace di sfruttare i link testuali o gli annunci di google, che danno due lire dai, allora sei sensibile ai post a comando.

    Per esempio:
    a me non me ne frega un beneamato …… del’N95 eppure tutti a parlarne.
    E mica i piccoli, no i grossi… Perchè?
    Vabbè, torno a bermi la mia birretta e alle mie patate al forno (da cucinare :) )

  29. flod scrive:

    Io ho parlato dell’N95 perché me l’hanno mandato in prova: questo non significa che mi genufletterò ogni volta che sentirò parlare di Nokia, oppure che parlerò bene a prescindere di Nokia, ecc. ecc.

    P.S. Sto cercando di prendere un Nokia E90 con Tre, ma non certo perché Nokia mi ha prestato un N95 per un mese ;-)

  30. capemaster scrive:

    Non parlavo espressamente di te, anche se ammetto che sono stato sorpreso dal tuo post, parlavo della blogosfera in generale.
    Ricordi, sono talebano per mia ammissione.

    IL comportamento di taluni mi fa pensare che a genuflettersi si fa molto presto.
    Non ho un blog seguitissimo, ma neanche così lebbroso, e pensare che uno debba anche recuperare quei pochi euro al mese di hosting ( a proposito che mi consigli visto che sto superando i 5 gb di banda al mese? ) mi pare veramente esagerato.

  31. flod scrive:

    Non parlavo espressamente di te, anche se ammetto che sono stato sorpreso dal tuo post, parlavo della blogosfera in generale.

    Perché sorpreso?

    Ripeto: secondo me il punto fondamentale è la trasparenza. Scrivere un post “prezzolato” significa ingannare il lettore, alla lunga salterà fuori e a quel punto hai voglia a rifarti una reputazione ;-)

    Alla fine quei link sono una cosa simile: ti piazzo dei link in tutte le pagine, si capisce che sono fuori posto ma non mi dici il motivo per cui li hai messi. A quel punto inevitabilmente i dubbi mi vengono anche sul resto.

    Discorso hosting: sul fronte estero DreamHost è buono (basta non avere la sfiga di trovare un utente che incasina i server condivisi), sul fronte italiano parlano molto bene di Webperte (vedi Andrea Beggi e altri) ;-)

  32. capemaster scrive:

    perchè ho sempre dato per scontato che Nokia pagasse per questi post… e ammetto che ho pensato male :)

    solo per un attimo però [non sto a lisciarti, non sono il tipo]

    perchè ho letto e m’è sembrato un post sincero e non pagato.

    Comunque sia, vendere uno spazio del blog, a mio avviso, è come farsi un tatuaggio della coca-cola sul braccio…

    Grazie per le dritta. Credo che vedrò di cosa si tratta Webperte, Dreamhost mi pare inflazionato.

  33. Sw4n scrive:

    Per quanto mi riguarda, anche se non serve (basta leggere i miei PERSONALISSIMI post) non “pratico” il pay per post. Ovvero, non mi pagano per scrivere bene o male di qualcosa, e mai accetterò di farlo dal momento che i miei post rimangono pezzi di vita quotidiana e il mio blog rimane un blog tutt’altro che tecnico. E poi, consentitemi, non sempre su un blog tecnico si può distinguere un post a pagamento da un post spontaneo. ma su un blog come il mio, preso come cavia, si capirebbe eccome. Ecco, iniziare un confronto del genere va benissimo, ma divagare attribuendo cose non vere non va bene. :)

    Le linee di pensiero sono diametralmente opposte, vedo.

    E per me, un’eventuale perdita di autorevolezza su un blog, avviene solo quando si scrive dietro a un compenso. Mettere un link in sidebar senza cambiar nè filosofia al blog nè voglia di scrivere spontaneamente non pregiudica nulla.

    Si parla di trasparenza, ma la stragrande maggioranza degli utenti riconosce un blocco di link pubblicitari da un blocco di link non pubblicitari.

  34. capemaster scrive:

    @ Sw4n: ti becco qua, è più comodo.

    e voglio farti domande tecniche e scomode, posso?

  35. Sw4n scrive:

    Proprio qui? Se vuoi, fai pure, anche se alle domande personali rispondo via mail, visto che l’argomento del post l’abbiamo ben sviscerato… :)

  36. capemaster scrive:

    allora ok via mail

  37. wolly (paolo Valenti) scrive:

    io continuo a non scandalizzarmi Sw4n il mio suggerimento era serio, rivolgiti ad un agenzia di pubblicità sul web guadagneresti molto di più.

    ciao

    wolly

  38. prostata scrive:

    Sinceramente non ci vedo nulla di male, se è nel modo in cui la fa (per esempio) Sw4n. A mio avviso la separazione tra blogroll e pubblicità lì è evidente (o almeno io ci ho messo un nanosecondo a capire che Hotel, Auto usate e Tapis Rulant non erano tra le sue letture preferite :D ), e i post mi sembrano “slegati” dai link “venduti”, o comunque non scritti in funzione pubblicitaria. Come detto, scrivere tutti i giorni cazzate non è semplicissimo, quindi se uno riesce a tirarci su qualche soldo, beh, non riesco a biasimarlo (tantomeno in tempi duri come questi). Moolto diverso sarebbe il discorso per esempio di un blog “tecnologico” in cui comparissero recensioni di prodotti e poi pubblicità legate a questi…

  39. Stefano scrive:

    Personalmente mi trovo più vicino alla posizione di pseudotecnico. Senza voler demonizzare nulla e nessuno, però forse quello che più colpisce è il mercanteggio così spudorato del PR.

    Ripeto, non voglio giudicare nessuno, ma solamente dire la mia opinione. Credo che non sia possibile paragonare un’inserzione AdSense, che come tutti voi ben sapete si basa sul contenuto di un post (unico, caratteristico e per questo elemento vitale di un weblog) con un “brutale” annuncio simile al TOT EUR/Kg tante volte sentito nei mercati paesani.

    Si so che l’esempio è un po’ “forte”, però alle 2.36 di notte non sono riuscito a partorire null’altro che questo :P

  40. Andrea Beggi scrive:

    Premesso che ognuno fa quello che vuole, e sono i suoi lettori a giudicarlo, vorrei portare i miei due cents:
    Come già detto, Sw4n fa quello che è nel suo diritto, l’unico appunto che gli posso fare è che i link della sezone sponsorizzata non sono graficamente diversi dagli altri, il che secondo me non facilita la comprensione e costringe a scendere nel merito del contenuto del link, il che può essere fuorviante per chi non ha la nostra stessa esperienza. Inoltre mi sembra (a senzazione) una cosa che cozza contro i principi dell’usabilità.

    Inoltre vorrei puntualizzare a Cpemaster che io non ho peso un centesimo da Nokia. I patti erano chiari: Nokia mi da un telefono per un mese, io lo uso e scrivo le mie considerazioni senza alcuna costrizione. E non è che ne abbia parlato incensandolo, tant’è che io ed altri abbiamo concluso con un “non lo comprerei”. Se avessero voluto regalarmelo, lo avrei rimandato indietro, perché si tratta di un oggetto troppo costoso.
    Per il resto non ho pubblicità sul mio blog, e non giudico che la mette. Mi danno fastidio solo le pubblicità troppo invedenti e quelle nei feed, per ragioni di principio.

  41. Pierluigi Ruotolo (ex Lotek.it) scrive:

    @pseudotecnico: Scusami, ma dov’è la non trasparenza?

    L’utente smaliziato distingue facilmente i link a pagamento, quello non smaliziato non distingue neanche gli AdSense, che spesso vengono anche appositamente mimetizzati con il tema del blog/sito.

    Inoltre Sw4n o chi per lui ha postato su un forum pubblico, non ha di certo fatto le cose di nascosto (anche se io continuo a non condividere ciò che ha fatto, ma è una sua libera scelta).

    @Andrea Beggi: Non credo che Sw4n voglia differenziare quei link, per ovvie ragioni che non credo ci sia bisogno di spiegare, le abbiamo capite un po’ tutti :)

    Riguardo Nokia: vorrei proprio vedere quanti blogger italici avrebbero rifiutato il supertelefonino del momento (dopo l’iphone) in regalo, te compreso. Alla prova reale dei fatti e non a parole, perchè poi una scusa buona si trova sempre.

    E anche questa cosa che non si possono accettare i prodotti in regalo dalle aziende, alla fine l’hanno tirata fuori quelli che non le ricevevano, invidiosi degli altri, diciamocelo chiaramente. Che con un telefonino non si compra nessuno, soprattutto noi che ce lo andremmo a comprare lo stesso, sbavanti per la novità :)

  42. prostata scrive:

    @Beggi/Ruotolo, a me, veramente, i link di Sw4n sembrano sufficientemente differenziati (il blogroll è fatto con gli avatar, ed è li che potrebbe generarsi ambiguità “antipatica”… non penso che uno faccia confusione tra la pubblicità degli Hotel e i commenti recenti :D , o che sia così rilevante differenziarli… già la pubblicità su internet è molto poco efficace, a mio avviso, poi se devi presentarla scrivendoci sopra grosso “PUBBLICITA’” tanto vale non metterla nemmeno ;D).

    (Io ho un ODIO epidermico per la pubblicità in tutti i contesti, comunque, non vorrei essere frainteso… a meno che non sia del tipo “ascoltate gli mp3 del mio amico”).

  43. Andrea Beggi scrive:

    Pierluigi, ribadisco che il Nokia lo avrei rifiutato. Durante il mese di prova ho comprato un N80, invece.

    E rimango dell’avviso che la pubblicità debba essere chiaramente evidenziata. Se poi la gente non ci clicca, beh, complimenti e benvenuti in questo secolo: alla gente la pubblicità non piace.

  44. SKA scrive:

    Ribadisco ciò che ho detto sul blog di Capemaster e quindi trovandomi d’accordo con Andrea Beggi: liberi di mettere pubblicità di qualsiasi genere sul proprio blog, che sia personale o tecnico, ma che sia chiaramente visibile e distinguibile dai contenuti e dal tema del blog. Ogni giorno si vedono tentativi di fondere link prezzolati ed adsense con i normali link del blog e questo è una scorrettezza nei confronti degli utenti più ingenui. Come già detto, esistono delle regolamentazioni in merito per televisioni, radio e giornali, sarebbe il caso che anche i blogger inizino ad inserire nella propria netiquette anche questo tipo di auto-regolamentazione (sarebbe ovviamente illiberale una normativa specifica).

  45. prostata scrive:

    Secondo me, per un’analisi equilibrata, non si può non tener conto di quanto la pubblicità risulta efficace (o, quantomeno, vista). Il paragone con la pubblicità televisiva (che è mediamente molto più invasiva, per tanti motivi) a mio avviso non è così appropriato. :)

  46. capemaster scrive:

    @ Andrea Beggi: nessuno pare aver notato una cosa. La Nokia manda l’N95 a te e non a me (io manco ce l’ho il cellulare figuriamoci se accetto di recensirne uno). E non parlo per invidia, come qualcuno cerca di far passare. Le aziende sanno qual’è il potenziale persuasivo di un blog, specialmente di uno seguito come il tuo. Per dirla tutta, io non avrei accettato al recensione perchè è come mettere la pubblicità nel feed. Non vedo una grossa differenza.

  47. flod scrive:

    @capemaster
    Nel momento in cui mi è stato dato il Nokia, mi è stato anche spiegato che non c’era nessuno obbligo di scrivere un post sul cellulare in questione, né sul proprio blog né su quello dedicato all’iniziativa.

    Il post l’ho scritto perché mi andava di scriverlo, non certo perché era un obbligo; se lo riterrò opportuno, è probabile che ne scriva altri prima della fine del periodo di prova ;-)

    Unica condizione: trattare il cellulare come se fosse il tuo, visto che poi toccherà a qualcun altro.

  48. capemaster scrive:

    ROGER THAT

  49. Stefano Brivio scrive:

    @pseudotecnico: sul fatto che Nokia non obbliga a fare nulla ci credo, però sono abbastanza convinto del fatto che l’iniziativa sia stata ben studiata dal loro marketing e, per tanti motivi, alla fine della fiera il blogger non dirà quasi mai no ad una recensione :)

  50. FulviaLeopardi scrive:

    ah, le polemiche ferragostane…
    detto questo: grazitaly vende link da un pezzo, io l’ho scoperto tramite dandyna che ha/aveva nel suo blog link a pagamento. A me non hanno mai proposto niente del genere, lo facessero gli riderei in faccia. Poi ognuno fa quello che gli pare, ma fare come me, che quando entro in un blog non clicco mai su pubblicità e link consigliati…è così difficile?
    ps: per chi ha chiesto in base a quali criteri sw4n è ‘popolare’…se non è cambiato niente dall’ultima volta che ho controllato, suppongo sia in base ai link in entrata..per ora è l’unico criterio che esiste (sempre che non mi sia persa qualcosa)..che poi link = autorevolezza, parliamone

  51. Andy scrive:

    http://www.alverde.net/

    Esiste da anni e non è l’unico!

  52. Pierluigi Ruotolo (ex Lotek.it) scrive:

    Il problema grosso della vendita di link è che non è soltanto eticamente scorretta, ma è proprio contraria alle policy di Google.

    Quindi sostanzialmente chi la pratica andrebbe preso e sbattuto fuori dal motore di ricerca, senza se e senza ma.

    Per essere chiari tra i Google Webmaster Tools c’è tanto di link con dicitura “Report paid links”, quindi nessuno può fare quello che vuole e vendere link, manco per niente.

  53. absolutforyou scrive:

    ben venga la vendita di link..non vedo cosa ce di male nel guadagnare qualcosa..almeno uno si ripaga per tutto il tempo che dedica nel fare il suo blog o sito che sia

Trackback e pingback

  1. { capemaster } » blog » A quando un editore?
    [...] approva e rilancia nei commenti: Nello specifico io sono ancora più [...]
  2. pseudotecnico:blog » A proposito dei siti civetta Scarica Firefox
    [...] di aver espresso in modo esauriente la mia posizione sulla pubblicità nei blog all’interno del post precedente, non ho …
  3. Troppa roba - Faccio Cose
    [...] Alcuni aggiornamenti sono obbligatori. Chi mi segue via feed reader noterà che ho inserito una sorpresa, diciamo che, anche …
  4. Capitano Uncino
    pubblicità nei blog : vi chiedo solo una cosa... Ho letto, in questa settimana, che si è aperta una piccola discussione …
  5. pseudotecnico:blog » Wordpress: differenziare i trackback dai commenti
    [...] per cui è possibile utilizzare il foglio di stile per modificarne l’aspetto: in fondo a questa pagina, ad esempio, …
  6. pseudotecnico:blog » Blog, non ci stiamo sopravvalutando?
    [...] che peraltro sta coinvolgendo anche blogger ben più noti della blogopalla mondiale, né sulle questioni economiche o “etiche” che …
  7. BlogZilla » A proposito dei siti civetta Scarica Firefox
    [...] di aver espresso in modo esauriente la mia posizione sulla pubblicità nei blog all’interno del post precedente, non ho …

Non è possibile inserire nuovi commenti. I commenti vengono disattivati automaticamente dopo 60 giorni.