iPhone e H3G

21 giugno 2009

Nel caso in cui abbiate appena traslocato su Marte e vi fossero sfuggite le ultime notizie:

  • è uscito l’iPhone 3GS;
  • è possibile acquistarlo anche su Apple Store, pagandolo 20€ in meno rispetto ai ladroni che continuano a vendere il 3G a prezzi esorbitanti;
  • H3G distribuirà in Italia l’iPhone 3G dalla prossima settimana e il 3Gs da luglio (comunicato stampa).

A questo punto resta da capire con quali piani verrà distribuito, l’upfront e soprattutto se contatteranno i clienti esistenti. Personalmente mi aspetto almeno una telefonata prima di settembre (scadenza del contratto di 24 mesi) :-)

P.S. non sono stato rapito dagli alieni, ma ultimamente scrivo più di là in pseudoinglese che qui. E finché la blogopalla italiana non saprà far altro che trastullarsi con il “letto grande” di Silvio, dubito che l’andazzo cambierà.

Tag Technorati: ,

iPhone Italia

10 giugno 2008

Forse è il caso di smetterla di saltellare gioiosamente per casa  godendo per i prezzi annunciati ieri sera da Stefano Lavori (199$ per iPhone 3G 8GB, 299$ per 16GB).

Ricordo alla gentile clientela che siamo in Italia, per cui:

  • l’AppleStore ieri sera ha messo online le pagine sull’iPhone facendole puntare a pagine inesistenti del sito Apple Italia: nel giro di pochi minuti tutto funzionava correttamente (‘sti americani…);
  • l’AppleStore ieri sera ha messo dei link ai siti Vodafone e Tim (“dove comprare”): dopo 12 ore abbondanti sui suddetti siti non c’è una cippa di niente sull’iPhone (‘sti italiani…);
  • con buona probabilità il telefono verrà venduto con contratti di abbonamento di 2 anni e relative penali di disdetta anticipata (hai voluto l’iPhone 3G? Bravo, adesso me lo paghi per due anni);
  • con buona probabilità la versione no-brand – ammesso che la distribuiscano subito – verrà venduta a un prezzo X, dove X sarà 3/4/5 volte il prezzo della versione in abbonamento;
  • bisognerà valutare con calma e attenzione il piano dati associato al contratto.

Ancora voglia di saltellare?

Tag Technorati: , ,

Ancora Apple iPhone

25 giugno 2007

videoiphone.jpg

Per chi se lo fosse perso (probabilmente vivete in un bunker antiatomico), su apple.com è disponibile un tour guidato di 20 minuti sulle funzionalità di iPhone: un bell’ometto vestito da mimo vi introdurrà alle fantastiche funzionalità dell’oggetto in questione.

Sabato mattina ho fatto i compiti e mi sono scaricato i 175MB di video per poterli studiare con calma.

Sinceramente sono sempre più perplesso. L’interfaccia non si discute: è rivoluzionaria, semplice da usare, intuitiva e molto rapida (almeno a vedere il video). Quello che non si capisce è perché una persona sana di mente dovrebbe spendere quei soldi per comprare un telefono, perché alla fine dei venti minuti è evidente che si tratta di un telefono, stop.

Se il target di riferimento dell’iPhone è il ragazzino multimediale, l’aggeggio ha dei seri difetti: fotocamera da 2Mpx quando in circolazione ci sono telefoni con camera da 5Mpx e obiettivo Zeiss. Lo spazio disponibile (4/8 GB) non è certamente quello di un iPod tradizionale, e Dio solo sa quanto dura la batteria usandolo come lettore musicale.

Se il target di riferimento dell’iPhone è l’utente business, spiegatemi come è possibile usare un dispositivo in grado di visualizzare allegati Word ma non di modificarli, per non parlare dell’assenza di un simil foglio di calcolo. Volete obbligarmi a usare Google Docs & SpreedSheets? Allora dovete darmi una tariffa dati scandalosamente economica, perché in caso contrario anche tutte le simpatiche funzionalità su meteo-azioni-mappe che mostrate sono un attentato alle mie finanze: mi costa meno chiamare Pagine Gialle e un taxi che non cercare il ristorante cinese su Google Maps.

In Italia molto del successo dell’iPhone dipenderà da tre fattori:

  • possibilità di usare schede prepagate (ne dubito) e scelta del carrier (alcune voci, poi smentite, parlavano di AT&T in procinto di acquistare Vodafone, nel qual caso la scelta sarebbe stata scontata)
  • disponibilità di una tariffa dati adeguata (e in Italia sarebbe una grossa novità)
  • prezzo

Paradossalmente il prezzo potrebbe rappresentare il fattore di dissuasione meno significativo.

Tag Technorati:

Panorama parla di iPhone

19 gennaio 2007

Anche il settimanale Panorama parla di iPhone (pag. 138, n.4 del 25 gennaio 2007).

Titolo: “Il tempo del melafonino”.
Sottotitolo: ESCLUSIVO in anteprima Panorama ha provato l’iPhone, il nuovo cellulare della Apple

Per prima cosa un’occhiata alle didascalie delle foto.

Due le versioni, con hard disk da 4 gigabyte (499 dollari) oppure da 8 gigabyte (599 euro).

Non si capisce da dove salti fuori l’euro dell’ultimo prezzo; nessuna segnalazione sul fatto che il prezzo sia vincolato ad un contratto di due anni con Cingular.

Sfiornando il display l’immagine si ingrandisce.

Un correttore di bozze no? Senza tralasciare il fatto che “sfiorare” non è esattamente il modo migliore per definire la manovra “a pinza” necessaria per ottenere lo zoom.

Si parla di applicazioni esterne e l’autore del pezzo, Settimio Perlini, se ne esce con una mezza bomba (mi piacerebbe capire quanto voluta e quanto affidabile): secondo “gli uomini della Apple” (testuale), tutti i programmi installabili su iPhone, anche prodotti da aziende esterne ad Apple, dovranno essere approvati dalla casa madre e verranno venduti su iTunes.
In altre parole viene dato per certo uno scenario che, a quanto mi risulta, attualmente è solo un’ipotesi (per quanto probabile).

Praticamente una pubblicità (aka “markettone”) di tre pagine per il nuovo dispositivo Apple e nemmeno l’ombra di un dubbio sui possibili difetti.

UPDATE: come spesso accade, i commenti sono più interessanti del post ;-)

Tag Technorati: ,

I difetti dell’iPhone

12 gennaio 2007

Nella blogosfera, dopo l’entusiasmo iniziale, impazzano le stroncature e le recensioni critiche del nuovo gadget di casa Apple.

Personalmente condivido molti degli appunti fatti da SuzukiMaruti, anche se vorrei sottolineare alcuni punti:

  • la presentazione dell’iPhone ci ha parlato di sistema operativo Mac Os X: era impossibile immaginare che questo significasse “non ti lascio installare applicazioni” (o quantomeno io ho pensato l’esatto contrario). Se questo è il prezzo da pagare per la stabilità del sistema, forse è un prezzo troppo alto;
  • il fatto che avremo l’iPhone in Europa nel 2007 e in Asia nel 2008, mi fa pensare a connessioni UMTS e HDSPA, non al semplice EDGE;
  • al momento si sta fondamentalmente discutendo di fuffa, visto che il telefono praticamente non esiste (o quello che esiste non è necessariamente uguale a quello che verrà venduto, vedi discorso sulla qualità della fotocamera fatto da Steve Jobs).
    È interessante notare come la presentazione del “nulla”, di un prodotto che a tutti gli effetti non esiste, abbia scombussolato l’intero mercato dei telefonini per i prossimi sei mesi.

Detto questo, concentriamoci sui motivi per cui sarebbe ragionevole non comprare l’iPhone:

  • Fragile, condannato a vivere in custodia
    Ho usato per due anni un QTek 2020 con schermo touch screen, conservato nella custodia di pelle originale. Il problema della fragilità era davvero uno degli ultimi pensieri: i difetti reali erano l’ingombro e la durata della batteria rispetto ad un telefono cellulare tradizionale.
    Fortunatamente hanno inventato gli auricolari bluetooth, quindi non passavo le mio giornate con il palmare all’orecchio.
  • Schermo tattile, destinato a sporco e usura
    Vedi sopra: lo schermo del mio QTek è intonso, e spesso lo usavo con le dita per telefonare.
  • Batteria non rimovibile
    Sinceramente non ho mai dovuto sostituire la batteria di uno dei miei cellulari o dei miei iPod, quindi per conto mio questa non rappresenta una caratteristica imprescindibile.
  • Nessun software di terze parti installabile
    A mio avviso questo è l’unico vero difetto; sull’altro piatto della bilancia c’è la perfetta integrazione con un sistema Mac Os X e, si presume, la stabilità complessiva del sistema
  • Niente 3G
    Vedi sopra: non possiamo sapere cosa arriverà in Europa (né quando)
  • Sincronizzazione Wi-Fi
    Non mi strapperò i capelli per averla
  • Memoria non espandibile
    A me 4gb sembrano un fottìo di spazio per un telefono
  • Nessuna compatibilità con Office
    In parte rientra nel discorso “software di terze parti”; davo per scontato che la compatibilità ci fosse, in caso contrario il problema sarebbe stato risolvibile attraverso software di terze parti.
  • Prezzo
    Altro vero problema: quale sarà il prezzo dell’iPhone in Europa? Verrà fornito soltanto da un operatore come avviene negli USA? Ho l’impressione che questa scelta non sia vincente per il mercato italiano…

A proposito: visto che la tecnologia c’è e funziona, a quando l’iPod 6G con lo schermo touchscreen?

Tag Technorati:

iPhone, AppleTV e altro

9 gennaio 2007

Zio Stewie non ci ha deluso:

  • iPhone: praticamente un iPod a schermo intero, memoria da 4GB a 8GB, multi-touch screen, Os X (!!), cuffia bluetooth e tutta una serie di funzionalità (si parla di 200 brevetti legati al nuovo telefono). Le immagini viste su Engadget sono a dir poco spettacolari
  • AppleTV: disponibile da febbraio a 299€, connettività wi-fi 802.11*, hard-disk da 40GB, Apple Remote
  • nuova base Airport Extreme con 802.11* (anche draft 802.11n), disponibile da febbraio a 179€, esteticamente molto simile a AppleTV

Note negative: iPhone sarà disponibile da giugno 2007, in Europa nel quarto trimestre 2007, in Asia nel 2008.
Niente regalo di compleanno, se ne riparla per il prossimo Natale :-(

Nota di colore: sul TG5, ore 20.25, è appena passato un servizio sui telefoni cellulari: il giornalista sostiene che “Apple entra nel mercato dei telefonini con questo iPhone”, peccato che l’immagine fosse di uno dei tanti fake.

Tag Technorati: ,